Gli "Assaggi di cibo di strada" portano in Piazza della Libertà panzerotti e bombette

La Puglia è una terra ricca di sapori; un territorio dove le tradizioni gastronomiche sono radicate e tramandate da generazioni

Le delizie della Murgia e Manfredonia ad "Assaggi di Festival Internazionale del Cibo di Strada", la kermesse che nel weekend inaugurerà ufficialmente la rinnovata Piazza della Libertà. La Puglia è una terra ricca di sapori; un territorio dove le tradizioni gastronomiche sono radicate e tramandate da generazioni. In questa terra carica di sole, profumi e colori, quando giunge il momento del tramonto è l’ora del “fornello pronto”. Si tratta di un’usanza che pare risalire agli antichi Greci, probabilmente legata all’esigenza di nutrirsi delle parti rimaste inutilizzate degli animali sacrificati agli dei; con il tempo la tradizione del fornello fu accolta in particolare dalle classi contadine che, quando l’occasione lo permetteva, potevano godere del lusso della carne raccogliendo le frattaglie degli animali destinati ai ricchi.

Un rito povero nato dalla necessità, che con il passare del tempo ha, certo a buon diritto, conquistato il palato dei più raffinati gourmet. Dal fornello della Murgia ci saranno gli gnumeridd, la zampina, la salsiccia di maiale nero, le bombette (involtini di capocollo di maiale contenenti canestrato pugliese, prezzemolo, pepe e sale). E ancora i panzerotti, che la  tradizione vuole si preparino per le feste di Natale o la notte di Capodanno. Però in Puglia si preparano in ogni occasione e si vendono per la strada. I ricordi più belli della terra di Puglia, sono legati al profumo inebriante che la domenica mattina si sprigiona da ogni cucina e che avvolge le abitazioni e le strade dei centri storici e non solo.

Ecco cosa si potrà trovare in Assaggi

ARGENTINA - Churrasco de angus, empanada criolla, choripan, ecc.

MESSICO - Tacos, burritos, alitas de pollo, totopos sonora, guacamole, ecc.

GIAPPONE – Kushinobo, buns, ecc. 

SICILIA (Palermo) - Pani ca’ meusa, panelle, arancine di riso, cannoli, ecc.

TOSCANA (Firenze) – Lampredotto bollito, trippa alla fiorentina, ecc.

ABRUZZO (Chieti) – Arrosticini di pecora, hamburger di pecora, ecc.

CAMPANIA – Pasticceria napoletana con sfogliata, frolla, babà, coda d’aragosta, pastiera, ecc.

MARCHE (Ascoli Piceno) – Olive all’ascolana e fritto misto all’ascolana ecc.

PUGLIA (Manfredonia, Murgia) – Panzerotti, fornello con gnumarieddi, bombette, ecc.

EMILIA (Parma) – Gnocco fritto (torta fritta) con salumi tipici emiliani, ecc.

E poi: vini e bevande provenienti da ogni territorio, musica, animazioni di strada, e tanto altro ancora con concerti svolti ogni sera. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Travolta mentre passeggia col figlio a bordo strada: muore una donna

  • La storia e i ricordi per i 50 anni di Amadori, maxi festa con 5mila dipendenti da tutta Italia

  • Violento schianto auto-scooter sulla via Emilia: grave una donna sbalzata contro il parabrezza

  • Ospedale Bufalini, nuovo riconoscimento internazionale per la Neurochirurgia

  • Cesenatico, caccia all'affare: il Comune mette all'asta quattro case

  • Dopo decenni da dipendente Ombretta si mette in proprio, ecco "La Sarta"

Torna su
CesenaToday è in caricamento