Welfare aziendale, Confartigianato: "Una sfida culturale importante"

"Confartigianato - rimarca il segretario Stefano Bernacci - ha già incontrato duecento imprese e alcune decine sono già operative nell'individuazione di una gamma di beni e servizi finalizzata a migliorare la qualità della vita personale e familiare dei collaboratori"

Anche nelle imprese artigiane cesenati si sta diffondendo il welfare aziendale, dall'anno scorso previsto per legge nel rinnovo dei contratti, come ad esempio è già avvenuto nel settore meccanico, con le aziende chiamate a mettere a disposizione dei lavoratori strumenti di welfare per importi che vanno da 100 euro il primo anno, a 150 il secondo e a 200 il terzo, in forza di contratti condivisi e firmati con i sindacati. "Confartigianato - rimarca il segretario Stefano Bernacci  - ha già incontrato duecento imprese e alcune decine sono già operative nell'individuazione di una gamma di beni e servizi finalizzata a migliorare la qualità della vita personale e familiare dei collaboratori, privilegiando quelli con finalità di educazione, istruzione, assistenza sociale, sanitaria o culto. Si tratta di una vera e propria politica retributiva aziendale con tanti vantaggi, anche derivati dal fatto che gli importi mesi a disposizione dal datore di lavoro sono esenti da contributi previdenziali e ritenute fiscali per i dipendenti, e sono inoltre totalmente deducibili dal reddito d'impresa".

"Si tratta di una sfida importante anche sul terreno culturale e comunicativo verso le imprese e i loro collaboratori su cui Confartigianato vuole impegnarsi insieme ai sindacati dei lavoratori - chiosa -. Confartigianato Federimpresa Cesena ha creato un apposito Sportello Welfare e inoltre ha stretto una alleanza con la piattaforma nazionale 'Tre Cuori', in cui i dipendenti delle imprese possono accedere a una pluralità di servizi con una amplissima gamma di scelta di servizi e opere, per loro e i propri familiari: dagli asili nido ai campus e vacanze studio, dalle gite scolastiche alle rette scolastiche, dalla salute ai servizi per gli anziani, dallo sport allo studio e all'università. Fin qui la questione strettamente tecnica. A monte, tuttavia, c'è un aspetto sostanziale che a Confartigianato cesenate preme rimarcare.

 "Il welfare aziendale - mette in luce Bernacci - è una pratica insita naturalmente nel dna degli imprenditori artigiani abituati a lavorare in piccole imprese familiari, anche se una volta non si chiamava così e si diceva semplicemente "far star bene i proprio collaboratori": poiché, se stanno bene, l'impresa ne trae giovamento e  il clima familiare si riverbera positivamente sul lavoro e sui suoi risultati. Nelle imprese artigiane dove si lavora gomito a gomito la prima attenzione dell'imprenditore è sempre quella di mettere il dipendente in condizione di stare meglio che si può e con una fava si prendono due piccioni: il bene del collaboratore e quello dell'impresa". "Il welfare aziendale - conclude Bernacci - si inserisce infine in un contesto in cui il welfare tradizionale basato sulla distribuzione di risorse da parte dello stato è in crisi irreversibile e serve dunque un nuovo tipo di welfare fondato sull’idea della sussidiarietà circolare,  quel rapporto virtuoso che coinvolge Stato, mercato e società civile, facendo rete con le istituzioni locali e dando vita ad economie di scala".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cadavere in avanzata decomposizione ritrovato in una scarpata stradale

  • Vaga seminuda per strada in stato confusionale, la Polizia Locale risolve il 'mistero'

  • Soccorso in stato di delirio, era in ospedale con la cocaina sotto la lingua: denunciato spacciatore

  • Una 'gincana' per entrare nella sala scommesse: "Legge pazzesca, l'alternativa è chiudere"

  • Travolta da un furgone mentre percorre in bici la via Emilia: ferita una donna

  • La 17enne cesenate Alessandra Rumieri è la nuova "Miss Mondo Rally"

Torna su
CesenaToday è in caricamento