Un consumatore su tre acquista prodotti contraffatti, Patrignani: "Serve una svolta culturale"

Le piccole imprese di commercio, turismo e terziario, afferma Patrignani, chiedono "di poter fare il loro mestiere. Che è intraprendere, creare lavoro, ricchezza

"Per stanare abusivi e contraffattori non basta l’azione delle forze dell’ordine, ma è indispensabile anche una svolta culturale". E' la considerazione del presidente di Confcommercio cesenate, Corrado Augusto Patrignani. Le piccole imprese di commercio, turismo e terziario, afferma Patrignani, chiedono "di poter fare il loro mestiere. Che è intraprendere, creare lavoro, ricchezza. E di farlo anche a pari condizioni rispetto ai competitori. Una situazione auspicata e ancora da realizzare, purtroppo. Troppo spesso l’imprenditore è costretto a lottare titanicamente contro i mulini a vento".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Basti pensare, per ricollegarmi alla Giornata della Legalità che l’Unione Confcommercio di Forlì Cesena ha da poco celebrato, che il trend della contraffazione è in continua crescita: nel 2019 quasi un consumatore su tre (30,5%) ha acquistato un prodotto contraffatto o usufruito di un servizio illegale - aggiunge -. È quanto emerge dall’indagine di Confcommercio su illegalità, contraffazione e abusivismo presentata in occasione dell’annuale evento nazionale ‘Legalità ci piace!’. Contraffazione ed abusivismo sono due piaghe che penalizzano in particolare i nostri settori, ma che indeboliscono tutta la filiera del made in Italy e la salute del sistema Paese, sovvenzionando le catene della criminalità organizzata. Per stanare abusivi e contraffattori non basta l’azione delle forze dell’ordine, ma è indispensabile anche una svolta culturale. Da parte dei consumatori, ai quali è richiesto un cambio di passo mentale: la merce contraffatta non si deve acquistare, perché è un atto irregolare. Sempre e unicamente ci si deve rivolgere a imprese regolari. In ossequio alla legalità e perché conviene al consumatore". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tenda nel parcheggio del Bufalini, Cesena tra le prime città a sperimentare i tamponi "drive-through"

  • Cesena, Gambettola e Mercato Saraceno: un bollettino nero con altri decessi

  • San Cristoforo piange l'ultima vittima del Coronavirus: "Era socievole e attivo nel volontariato"

  • Cresce il 'focolaio' nella casa di riposo, 15 contagiati. "Guarito un agente della Polizia Locale"

  • Coronavirus, frenata nei contagi nel Cesenate: "solo" 14 in più. Ma c'è un altro decesso

  • Da giorni non si avevano sue notizie, anziano trovato morto nell'appartamento

Torna su
CesenaToday è in caricamento