Turismo, lieve flessione per il settore della ristorazione. Bene gli hotel

Quelli aggiornati al 31 dicembre scorso sono sostanzialmente dei numeri stabili (-0,2%) rispetto al 31 dicembre del 2018 (+0,3% a livello regionale e +1,2% a livello nazionale).

Sono 2.759 le imprese attive nella provincia di Forlì-Cesena della ricezione e ristorazione, pari al 7,5% del totale (7,5% in Emilia-Romagna e 7,6% in Italia). E' quanto emerge dai dati ricavati dall'osservatorio economico territoriale della Camera di commercio della Romagna – Forlì-Cesena e Rimini. Quelli aggiornati al 31 dicembre scorso sono sostanzialmente dei numeri stabili (-0,2%) rispetto al 31 dicembre del 2018 (+0,3% a livello regionale e +1,2% a livello nazionale).

La “ristorazione” (81,7% delle imprese attive del settore) risulta in diminuzione (-0,8%) mentre l’”alloggio” (18,3%) è in aumento (+2,4%). Il 67,9% delle strutture ricettive è complementare (46,6% di alloggi in affitto), il 32,1% alberghiero (30,8% di alberghi); gli indicatori della ricettività mostrano buoni risultati riguardo al tasso di ricettività (15,2%), alla dimensione media (37 letti per esercizio) e all'indice di utilizzazione alberghiera (59,9%), con performance migliori rispetto alle medie regionali e nazionali. Gli addetti al settore alloggio e ristorazione rappresentano il 10,9% del totale degli addetti; in provincia, inoltre, si concentra il 9,3% degli addetti regionali del settore.

Il movimento turistico 2018 (provvisorio) vede risultati positivi: rispetto al 2017 si registra, infatti, un +0,8% degli arrivi (1.141.497 unità) ed un +2,3% delle presenze (5.481.257 unità). La clientela nazionale (83,8% degli arrivi e 80,7% delle presenze) ha avuto, rispetto a quella estera, incrementi superiori in termini di arrivi e inferiori riguardo alle presenze: +1,0% per gli arrivi italiani e -0,1% per gli arrivi esteri, +2,2% per le presenze italiane e +2,7% per le presenze estere. La permanenza media è risultata pari a 4,8 giorni (4,7 giorni nel 2017): 4,6 giorni per i turisti italiani e 5,7 giorni per gli stranieri.

La regione che offre il maggior contributo in termini di presenze italiane è la Lombardia (30,7% sul totale nazionale) alla quale seguono Emilia-Romagna (29,5%) e Piemonte (8,0%); il Paese che fa segnare le più alte presenze straniere è la Germania (31,0% sul totale estero), seguito da Svizzera (12,4%) e Francia (8,4%). L’analisi congiunturale, elaborata da Unioncamere Emilia-Romagna rileva, nel 2018, una diminuzione del volume d’affari del settore nel suo complesso, rispetto al 2017, dello 0,7%; ciò anche a causa dei prezzi bassi applicati, in particolare, nella ricettività.  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il tragico incidente in bici, è morto dopo due giorni di agonia l'agente di Polizia

  • Mentre va in bici viene colpito da un'auto: è gravissimo

  • Tragedia sulla spiaggia di Cesenatico, trovata riversa nell'acqua: muore l'anziana turista

  • Coronavirus, nel cesenate tre nuovi casi e nessun decesso

  • Agro-alimentare, il Gruppo Amadori cede Fattoria Apulia: l'operazione 

  • Cesenatico, dalle spiagge libere alle aree polifunzionali: ecco l'ordinanza balneare anti-Covid

Torna su
CesenaToday è in caricamento