Tele romagnole: un concorso nelle scuole per il ventennale dell'associazione stampatori

Nel primo incontro degli stampatori con le classi è stata presentata l’attività della bottega di stampa romagnola

L’associazione stampatori tele romagnole, che raggruppa i 8 laboratori artigiani delle province romagnole, di cui due a Gambettola e uno della Carpegna che ancora utilizzano l’antica tecnica della stampa con blocchi di legno e mazzuolo una volta ampiamente diffuse in tutto il territorio romagnolo, compirà 20 anni nel 2017. Per celebrare degnamente l'anniversario, Confartigianato e Cna hanno coinvolto le scuole del territorio (istituto Marie Curie di Savignano, liceo Artistico di Ravenna, Rimini, di Forlì. Si è già tenuto un incontro con docenti e studenti e sono già stati elaborati da tutti gli Istituti i primi disegni. L'associazione, presieduta protempore da Sabrina Luzzi, fu costituita nel 1997 per promuovere e valorizzare le stamperie tipiche e  difendere il prodotto da  contraffazioni ed imitazioni.

Nel tempo le modalità con cui vengono realizzati i colori, però si sono ampliate, non si utilizza più soltanto il caratteristico marrone che deriva dall’ossidazione della ruggine, ma anche altri colori naturali e non, ma ciò che è rimasto inalterato è l’uso dei blocchi di legno intagliati e del mazzuolo di legno con cui vengono ribattuti.  Ed oltre ai tradizionali decori derivati dalla iconografia dei simboli della campagna, della fertilità, della storia locale, si è allargata nel tempo la gamma delle decorazioni, grazie anche alla collaborazione - da parte di diverse stamperie-  con importanti artisti italiani, quali Dario Fò, Tonino Guerra e Tinin Mantegazza, oltre che per la creatività degli stampatori che nel tempo si sono cimentati con la realizzazione delle immagini più svariate.

In occasione del ventennale viene proposta una collaborazione creativa alle scuole del territorio, con l’obiettivo di realizzare bozzetti che possano essere selezionati dall’Associazione per essere riprodotti sugli stampi di legno e quindi utilizzati per la stampa su tessuto nei laboratori artigiani. E’ intenzione dell’Associazione usare i migliori bozzetti ed i materiali stampati, per allestire una mostra itinerante da esporre nelle principali città della Romagna, in collaborazione con gli Istituti scolastici che si sono resi disponibili e con le amministrazioni locali. Nel primo incontro degli stampatori con le classi è stata presentata l’attività della bottega di stampa romagnola. Si prosegue con la predisposizione dei bozzetti da parte degli studenti con il supporto dei docenti , fra i quali verranno scelti per la mostra e la stampa.

"Gli allievi già all'opera - affermano Livio Piraccini di Confartigianato e Laura Pedulli di Cna - sono entusiasti di mettersi in gioco nella elaborazione dei bozzetti  e questa iniziativa consente ai ragazzi in classe di entrare in contatto con i mestieri storici e artistici del variegato mondo dell'artigianato che ancora oggi eccellono e sono competitivi sul mercato grazie anche all'operato di meritorie associazioni che li fanno agire in rete,  come quella degli stampatori di tele romagnole".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vinse 500mila euro al gratta e vinci, ora apre un'osteria "come quelle di una volta"

  • Lastre di cemento si staccano dal cavalcavia e si forma un buco di un metro e mezzo: E45 chiusa

  • Incubo per una 11enne: entra in casa e si trova di fronte i ladri

  • Operazione incredibile al "Bufalini": musicista operato al cervello mentre suona il pianoforte

  • La colpisce con lo specchietto mentre cammina sul ciglio della via Emilia: anziana ferita

  • Scirocco e alta marea a Cesenatico, gli stabilimenti spariscono. "Acqua in strada a Valverde"

Torna su
CesenaToday è in caricamento