Tappa a Varsavia per il MacFrut

Il MacFrut è conosciuto in Polonia ed apprezzato anche per la capacità di fornire un ambiente adatto all'incontro "diretto" fra imprese ed operatori. E' quanto dice Miroslaw Maliszewski

Il MacFrut è conosciuto in Polonia ed apprezzato anche per la capacità di fornire un ambiente adatto all’incontro “diretto” fra imprese ed operatori. E’ quanto dice Miroslaw Maliszewski, Presidente della PAP (Associazione polacca dei coltivatori di frutta), sottolineando che le tecnologie italiane nel settore agricolo sono tra le migliori al mondo, ed inoltre ha specificato che i produttori di frutta e verdura della Polonia sono disposti ad apprendere anche dalle esperienze acquisite dalle Organizzazioni di Produttori italiane.

Si consideri che la Polonia è il maggior produttore di mele in Europa, il suo 25% del totale supera il 20% di quota italiana, oltre ad essere leader per la produzione di mirtilli nel vecchio continente. «Siamo molto soddisfatti della missione in Polonia –precisa Domenico Scarpellini, Presidente MACFRUT- gli apprezzamenti ricevuti e la qualificata e numerosa platea presente all’evento conferma la scelta intrapresa anni fa, ossia, affiancare alla consueta promozione tradizionale anche attività promozionali dirette nei Paesi esteri, utili per conoscere più a fondo nuovi mercati ed operatori».

Fra queste azioni di promozione all’estero, martedì 29 maggio, Macfrut ha incontrato a Varsavia l’Associazione di produttori PAP e come in altre occasioni, è stata una novità apprezzata proprio dagli operatori esteri, in quanto gli incontri hanno consentito un dialogo aperto e diretto con scambio di esperienze e indicazioni di prospettive future. Luciano Trentini dell’Intergruppo Promozione della Commissione Europea ha illustrato l’ortofrutticoltura dell’Ue a 27 e le eccellenze italiane, che però non fermano il calo dei consumi. Non a caso l’Ue si è orientata a promuovere “Frutta nelle Scuole” nei vari Paesi per avvicinare le nuove generazioni e creare una diversa educazione alimentare, che sfidi la tendenza all’obesità.

Lo stesso Enrico Turoni, Presidente del Consorzio italiano CERMAC, ha insistito sulla necessità di migliorare la qualità attraverso tecnologie e innovazioni dei processi produttivi. «Anche a Varsavia –spiega al rientro dalla missione polacca Valentina Piraccini, Ufficio estero Macfrut- c’è stato interesse per la capacità di Macfrut di essere punto di incontro fra le varie zone ortofrutticole del mondo, grazie alla sua collocazione nel Bacino del Mediterraneo e che assomma tutto il ciclo dell’ortofrutticoltura di qualità e di eccellenza».

Sui livelli di consumo e sulle prospettive a più largo raggio, Maliszewski ha sottolineato che pochi giorni fa in Russia e Ucraina è iniziata una campagna per incoraggiare il consumo di mele. Questo programma, elaborato dalla Polonia, è stato cofinanziato dalla Commissione europea. Si tratta di una “campagna” promozionale che durerà tre anni e sta già portando ad un aumento delle esportazioni UE di mele, provenienti soprattutto da Polonia ed Italia.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, sale il numero di positivi: nessun caso in Romagna, 19 in Emilia

  • Coronavirus, la decisione in Emilia-Romagna: asili nido, scuole e università chiuse fino al 1°marzo

  • Coronavirus, sale il numero dei contagi in Regione: c'è il primo caso in Romagna

  • Tragico epilogo nelle ricerche, trovato morto l'anziano scomparso a Pievesestina

  • Coronavirus, l'aggiornamento: 47 casi in Regione: a Rimini altri 2 contagi. Paziente partorisce bimbo non positivo

  • Psicosi da Coronavirus, supermercati presi d'assalto e file chilometriche alle casse

Torna su
CesenaToday è in caricamento