Shopping di Natale, l'appello di Confcommercio: "Comperate nei negozi della città"

"Confcommercio chiede, potendo e volendo, fatta salva la libertà insindacabile di ciascuno, di privilegiare gli acquisti nei negozi della città", è l'appello di Patrignani

Con la festa dell'Immacolata il commercio natalizio entro nel vivo e campeggerà fino all'Epifania. "Il mese più bello dell'anno, per fare acquisti. Che in queste settimane chiamiamo doni, non a caso - premette Augusto Patrignani, presidente Confcommercio cesenate -. Si possono imporre i consumi e gli acquisti natalizi? Ovvio che no, è una pratica libera e piacevole, proprio per la libertà che presuppone. Ma si possono orientare, motivando l'appello".

"Confcommercio chiede, potendo e volendo, fatta salva la libertà insindacabile di ciascuno, di privilegiare gli acquisti nei negozi della città: per salvaguardare la rete distributiva che soffre, per impedire che la città si spenga con l'assottigliarsi e il venir meno delle attività commerciali, per ricompensare i negozianti della straordinaria profusione di forze che assicurano nel periodo natalizio luminarie, addobbi, iniziative e servizi di primo livello; per garantirsi la qualità delle merci vendute e dei servizi erogati", aggiunge.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"I negozi sono le luci della città. Tutto l'anno. A Natale ancora di più. I negozi sono un servizio, anche sociale - prosegue -. I negozianti vanno tenuti stretti, coccolati: da chi amministra, con provvedimenti adeguati e da chi acquista con scelte consapevoli. Certo: siamo liberi di acquistare dovunque, nei negozi fisici, in quelli virtuali on line, nelle grandi strutture. Ed è il bello della libertà. Ma se per Natale vogliamo fare un dono anche alla nostra città, alla nostra Cesena, privilegiamo gli acquisti nei piccoli negozi del centro e della periferia, in quelli di vicinato, che sono la spina dorsale della vita sociale cittadina. Senza di essi, che città sarebbe? Viva i negozianti in carne ed ossa".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tenda nel parcheggio del Bufalini, Cesena tra le prime città a sperimentare i tamponi "drive-through"

  • Da giorni non si avevano sue notizie, anziano trovato morto nell'appartamento

  • San Cristoforo piange l'ultima vittima del Coronavirus: "Era socievole e attivo nel volontariato"

  • Cresce il 'focolaio' nella casa di riposo, 15 contagiati. "Guarito un agente della Polizia Locale"

  • Coronavirus, frenata nei contagi nel Cesenate: "solo" 14 in più. Ma c'è un altro decesso

  • Una 'maschera' che agevola la comunicazione tra sanitari e pazienti: l'intuizione dell'azienda

Torna su
CesenaToday è in caricamento