Segnali distensivi in casa Trevi, la famiglia Trevisani dà l'ok alla manovra finanziaria

La società: "La famiglia Trevisani ha presentato un’ipotesi di adesione agli accordi sottoscritti il 5 agosto"

Segnali distensivi in casa Trevi, il colosso cesenate delle grandi opere attivo in tutto il mondo. La famiglia Trevisani, ha infatti aderito agli accordi dello scorso 5 agosto sottoscritti per un rafforzamento finanziario del gruppo.

"Il consiglio d'amministrazione - si legge in comunicato del gruppo Trevi - ha preso atto  della  comunicazione  pervenuta dai membri della Famiglia Trevisani, in proprio e nella qualità di azionisti indiretti del socio Trevi Holding SE, con la quale hanno presentato un’ipotesi di adesione agli accordi sottoscritti in data 5 agosto 2019 per la realizzazione della manovra finanziaria".

Un'adesione quella della famiglia Trevisani anche per la "risoluzione dei contrasti e delle controversie giudiziarie nel  frattempo  insorte,  subordinatamente  all’accettazione  di  alcune  condizioni  e  previa  assunzione adozione e/o rilascio di ogni determinazione, atto e/o autorizzazione necessari a renderle legittime nel contesto della procedura di concordato preventivo".

 Il consiglio di amministrazione della società "ha valutato positivamente l’iniziativa e dato mandato al Cro Sergio Iasi per le opportune valutazioni e per  approfondirne  le  concrete  possibilità  di  realizzazione,  ai  fini  di  una  eventuale  successiva sottoposizione di una proposta definitiva al consiglio stesso".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, la decisione in Emilia-Romagna: asili nido, scuole e università chiuse fino al 1°marzo

  • Coronavirus, sale il numero di positivi: nessun caso in Romagna, 19 in Emilia

  • Coronavirus, sale il numero dei contagi in Regione: c'è il primo caso in Romagna

  • Tragico epilogo nelle ricerche, trovato morto l'anziano scomparso a Pievesestina

  • Psicosi da Coronavirus, supermercati presi d'assalto e file chilometriche alle casse

  • Coronavirus, il presidente Bonaccini: "Stiamo valutando la chiusura di asili nido, scuole, impianti sportivi e musei"

Torna su
CesenaToday è in caricamento