Sciopero generale dei metalmeccanici, oltre 2500 lavoratori cesenati coinvolti. I sindacati: "Servono investimenti pubblici"

Nelle ultime settimane oltre 70 assemblee sindacali sono state svolte nelle fabbriche cesenati, coinvolgendo circa 2500 lavoratori tra operai e impiegati metalmeccanici del territorio

In questi giorni stanno si stanno ultimando i preparativi per lo sciopero generale dei metalmeccanici proclamato da Fim Cisl, Fiom Cgil, e Uilm Uil per venerdì. Nelle ultime settimane oltre 70 assemblee sindacali sono state svolte nelle fabbriche cesenati, coinvolgendo circa 2500 lavoratori tra operai e impiegati metalmeccanici del territorio. Lo sciopero generale, di 8 ore, riguarda tutti i settori, dall'industria all'artigianato. 

I lavoratori metalmeccanici sciopereranno in tutta Italia venerdì con tre grandi manifestazioni in contemporanea a Milano, Firenze e Napoli per, spiegano i sindacati, "chiedere al governo e alle imprese di mettere al centro il lavoro, i salari, i diritti. La decisione del sindacato di indire uno sciopero di 8 ore è determinata dalla sempre maggiore incertezza sul futuro vista la contrazione della produzione industriale, la perdita di valore del lavoro, l'aumento degli infortuni e dei morti sul lavoro. Lavoro, investimenti e crescita dei salari devono essere rimessi al centro dell’agenda politica". 

"Il mondo delle imprese metalmeccaniche e più in generale il sistema della manifattura deve essere in grado di rispondere alla necessità di crescita dei settori strategici attraverso il rilancio degli investimenti pubblici e privati, il sostegno all'occupazione, ai salari e alla domanda interna - affermano Davide Drudi, Saverio Biguzzi e Roberto Ferrari di Fim Cisl, Fiom Cgil, e Uilm Uil -. Anche in Romagna stiamo assistendo alla mancanza di investimenti pubblici. Un caso per tutti è l'E45. Ma anche le imprese non sono stimolate da politiche fiscali a ricercare nuovi processi e prodotti che potrebbero aumentare occupazioni e salari".

I sindacati chiedono inoltre la "revisione della legislazione sugli "ammortizzatori sociali" come richiesto con il documento di Fim, Fiom e Uilm del 24 settembre scorso e su cui abbiamo costruito una mobilitazione che ha consentito di raggiungere alcuni primi, parziali risultati. Infatti è deleterio il taglio del contributo Inail, perchè toglie risorse per la formazione dei lavoratori e la prevenzione dei rischi sul lavoro. Pertanto, in continuità con la mobilitazione del 9 febbraio, venerdì è stato proclamato lo sciopero generale dei lavoratori metalmeccanici".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il bar è in regola ma la segnalazione per l'allargamento fa infuriare i titolari: "Ci fermiamo"

  • Mentre va in bici viene colpito da un'auto: è gravissimo

  • Dopo il lockdown il bar non riapre più: "A queste condizioni non possiamo andare avanti"

  • In funzione da lunedì, ecco dove saranno i 3 T-Red: "Per ridurre gli incidenti negli incroci pericolosi"

  • Incornato da un toro, anziano soccorso con l'elicottero del 118 e in gravi condizioni

  • Drammatico schianto nella notte sull'A14: perde la vita un cinquantenne

Torna su
CesenaToday è in caricamento