Saldi al via: il 95% dei commercianti li adotteranno da subito

"I saldi invernali - spiega Gozi - aiutano a sostenere sia i bilanci dei negozi che hanno risentito di un calo delle vendite, sia delle famiglie strette dalla crisi economica: per questo non vanno di certo deregolamentati, ma tutelati, a partire dall'istituzione di una data unica per tutta Italia"

Il 2016 si apre all’insegna dello sconto. Martedì 5 gennaio prenderanno il via i saldi invernali, con sconti iniziali previsti, da subito, del 30-50%. Il Centro Studi della Confesercenti Cesenate ha effettuato una ricerca telefonica su un campione di 100 imprese per sondare l’approccio degli operatori commerciali a questo momento di vendita. “I prossimi saldi - commenta Graziano Gozi, direttore della Confesercenti Cesenate . si annunciano molto convenienti per i consumatori. Gli imprenditori praticheranno sconti sostenuti sia per recuperare un anno difficile che per dare fondo alle rimanenze di magazzino dovute a una condizione meteorologica mite che non ha favorito la vendita dei prodotti invernali”.

“I saldi invernali - spiega Gozi - aiutano a sostenere sia i bilanci dei negozi che hanno risentito di un calo delle vendite, sia delle famiglie strette dalla crisi economica: per questo non vanno di certo deregolamentati, ma tutelati, a partire dall’istituzione di una data unica per tutta Italia. La liberalizzazione condurrebbe di fatto alla fine dell’effetto positivo del saldo, già mitigato dalle vendite promozionali, che resta un’importante opportunità per dare respiro ai commercianti gravati da una crisi che ha costretto numerosi negozi a chiudere i battenti”.

“In riferimento alla data di partenza - aggiunge il direttore della Confesercenti Cesenate - un elevato numero di imprese (52%) la ritiene prematura mentre il 46% la valuta soddisfacente (il 2% non si esprime). Il 95% degli intervistati avvierà da subito i saldi mentre il 5% attenderà le prossime settimane”. “Una opportunità per la clientela – interviene Armando Casabianca, presidente della Confesercenti Cesenate – perché il 16% delle attività commerciali praticherà sconti fino al 20%, il 48% fino al 30%, il 32% fino al 50% e il 4% oltre il 50%.

“I saldi sono un momento importante anche per attirare nuovi clienti – prosegue il presidente della Confesercenti Cesenate – infatti il 78% ritiene che sarà visitato da nuova clientela (il 22% pensa di no). Il 47% delle imprese - conclude Armando Casabianca - ricorrerà a forme pubblicitarie per far conoscere la propria attività ed i propri saldi mentre il 53% non lo ritiene necessario”.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • l'italia è troppo lunga, una data unica è una galera da qui tutti vorranno evadere. auguri.

Notizie di oggi

  • Incidenti stradali

    Tragedia del sabato sera sulla A14: impatto fatale, un morto e cinque feriti

  • Cronaca

    Neve in montagna, disagi non solo per le persone: cosa sta succedendo a lupi e altri animali

  • Politica

    Solette da 299 euro, il sindaco sportivo nel mirino: "Le pubblicizza per CesenaLab"

  • Cronaca

    In centro chiude anche la Tim e porta tutto nei centri commerciali: "Il conta-clienti non mente"

I più letti della settimana

  • Neve e bufera sull'Anas, artigiani duri: "Incapacità dei gestori della rete stradale"

  • Confcommercio chiede un piano d'emergenza contro la chiusura dei negozi

  • Centro storico, Confartigianato: premiare le iniziative più belle dei negozi

  • Sarsina, contributi del Comune sui mutui prima casa: aperto il bando

  • Cesena capitale degli agenti di commercio: summit nazionale alla Confcommercio

  • Macfrut punta all'oriente: sarà la Cina la regina dell'edizione 2017

Torna su
CesenaToday è in caricamento