"Ruolo chiave, rilanciare le imprese di montagna": la ricetta di Confartigianato

“Anche nel territorio cesenate – rimarca il Gruppo di Presidenza di Confartigianato Cesena – le imprese artigiane di montagna delll’alta Valsavio e valle del Rubicone rivestono un ruolo chiave"

Rilanciare le imprese di montagna. Lo chiede Confartigianato che ha partecipato alla riunione degli Stati Generali della Montagna convocati dal Ministro per gli Affari regionali e le autonomie  Boccia. “Anche nel territorio cesenate – rimarca il Gruppo di Presidenza di Confartigianato Cesena – le imprese artigiane di montagna delll’alta Valsavio e valle del Rubicone rivestono un ruolo chiave perché garantiscono la tenuta del tessuto sociale oltre che economico. La piccola impresa ha quindi un valore sociale che va riconosciuto e tutelato. In questo senso, un ulteriore calo del numero di imprese nelle zone montane, minerebbe un equilibrio già fragile”

Secondo l’Ufficio Studi di Confartigianato nei comuni montani operano 430mila imprese artigiane, con 865 mila addetti. “Le nostre imprese – prosegue il presidente di Confartigianato Valle Savio Valerio Cangini – Queste imprese sono laboratori di innovazione e sostenibilità ambientali, esempi di un modello di economia circolare che è la chiave dello sviluppo del futuro. Valorizzare le zone montane significa salvaguardare e far crescere le opportunità di lavoro in questi territori, agevolando la vita delle attività economiche imprenditoriali e sostenendo la creazione di nuove imprese. Riteniamo che occorra non solo creare misure per trattenere i giovani, ma rendere professionalmente attrattivi i territori montani".

"La montagna è un luogo privilegiato per famiglie che diventerebbero fruitrici e creatrici di servizi in un’economia dinamica pronta ad accogliere le sfide legate anzitutto al turismo ecosostenibile. E le imprese artigiane, grazie alle dimensioni, alla sostenibilità ambientale dei loro cicli produttivi, all’attrattività delle maestranze e dei prodotti, sono attori fondamentali in questo disegno. Fondamentale è il nodo delle infrastrutture, fisiche e digitali, a partire dalla dotazioni di strade bene mantenute, a partire dalla E45 da ottimizzare ed ex Tiberina da mrimettere in funzione”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il tragico incidente in bici, è morto dopo due giorni di agonia l'agente di Polizia

  • Tragedia sulla spiaggia di Cesenatico, trovata riversa nell'acqua: muore l'anziana turista

  • Cesenatico, dalle spiagge libere alle aree polifunzionali: ecco l'ordinanza balneare anti-Covid

  • Fischietti di San Giovanni e mazzetti di lavanda, sarà una festa sobria ma ci sarà

  • Addio a Tinin Mantegazza, "Cesenatico perde un artista e un creativo incredibile"

  • Coronavirus, un nuovo caso di positività: quelli totali da inizio emergenza sono 783

Torna su
CesenaToday è in caricamento