Imprese, ecco la Riforma Confidi per rendere più facile ricorso al credito

E’ stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale del 5 agosto 2016 la legge che delega il Governo a riformare il sistema Confidi che regola l’operato di chi garantisce i finanziamenti

E’ stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale del 5 agosto 2016 la legge che delega il Governo a riformare il sistema Confidi che regola l’operato di chi garantisce i finanziamenti. La finalità della nuova norma è quella di rendere più facile il ricorso al credito per le piccole e medie imprese e per i professionisti. "Il Governo – commenta Vanni Zanfini, presidente della Creditcomm, la Cooperativa di Garanzia che fa riferimento alle Confesercenti Cesenate e Forlivese -, entro 6 mesi dalla data di entrata in vigore della legge dovrà emanare, su proposta del Ministro dell’Economia e delle Finanze, uno o più decreti legislativi. Ci auguriamo che la nuova normativa possa essere uno strumento in grado di valorizzare ancor di più le specificità dei confidi, confermando l’importanza del nostro ruolo a beneficio delle piccole e medie imprese, che contribuiscono alla crescita economica del Paese”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il Ministro, nell’emanazione dei decreti dovrà tener conto dei seguenti criteri direttivi: rafforzare la patrimonializzazione dei confidi e favorire la raccolta di risorse pubbliche, private e del terzo settore, di capitale e di provvista, anche individuando strumenti e modalità che le rendano esigibili secondo i principi dell’Accordo di Basilea; disciplinare le modalità di contribuzione degli enti pubblici finalizzate alla patrimonializzazione dei confidi anche nel rispetto della disciplina comunitaria in materia di aiuti di Stato; razionalizzare e valorizzare le attività svolte dai soggetti operanti nella filiera della garanzia e della controgaranzia; favorire la sinergia tra il Fondo centrale di garanzia e i confidi passando dalla razionalizzazione e valorizzazione dei soggetti operanti nella filiera delle garanzie; sviluppare, nell’ambito delle finalità tipiche, forme di garanzia e servizi finanziari e non finanziari, che rispondono alle mutate esigenze delle PMI dei liberi professionisti; semplificare gli adempimenti e contenere i costi per gli intermediari finanziari e per i confidi; rafforzare i criteri di proporzionalità e specificità, estendendone l’applicazione all’intera normativa in materia di confidi; assicurare una maggiore tutela del carattere accessorio della garanzia rilasciata dai confidi rispetto all’operazione di finanziamento principale; eliminare le duplicazioni di attività già svolte da banche o da altri intermediari finanziari attraverso la razionalizzazione degli adempimenti a carico dei confidi e delle procedure di accesso; individuare attraverso la rete delle Camere di Commercio e delle informazioni di cui le stesse dispongono, le metodologie di valutazione degli impatti della garanzia sui sistemi economici locali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La tragedia sullo scooter, riconosciute le salme di Donato e Asia: si cerca un testimone oculare

  • Drammatico scontro tra uno scooter e un camion, perdono la vita padre e figlia

  • La tragedia sullo scooter, l'amore per la figlia e la passione per il Maggiolino: "Donato era solare e allegro"

  • Violento scontro all'incrocio tra auto e moto, il motociclista è in Rianimazione

  • Il 15enne positivo al virus, l'ansia serpeggia in città: partita la prima tranche di tamponi

  • La media migliore sfiora il 9,7: ecco l'elenco completo degli studenti più bravi del liceo classico Monti

Torna su
CesenaToday è in caricamento