Pubblici esercizi, Confcommercio lancia l'allarme 'desertificazione' nei centri minori

I pubblici esercizi crescono (+ 15% in dieci anni) ma c'è un sos desertificazione commerciale che colpisce i Comuni più piccoli

Sos desertificazione commerciale nei centri minori, anche del Cesenate nonostante crescano i pubblici esercizi, aumentati del 15% in dieci anni. I pubblici esercizi crecono (+ 15% in dieci anni) ma c'è un sos deserificazione commerciale che colpisce i cetri minori. E' l'allarme che arriva da Fipe Confcommercio cesenate.

Secondo la Fipe Confcommercio cesenate, presieduta da Angelo Malossi (Fipe bar) e Vincenzo Lucchi (Fipe ristoranti): “Serve la definizione di una strategia nazionale ma anche territoriale nei nostri Comuni comprensoriali a favore delle città e delle economie urbane, in grado di indirizzare e promuovere modalità di intervento strutturali, e non più straordinarie, che possa basarsi su un quadro normativo organico chiaro e su risorse adeguate e continuative”.

L’Osservatorio Confcommercio-Si.Camera sulla demografia delle imprese nelle città italiane ha rivelato un quadro in chiaro-scuro sui centri storici italiani.

L’analisi, svolta su 120 Comuni fra cui alcuni del nostro territorio, di cui 110 capoluoghi di provincia e 10 Comuni non capoluoghi più popolosi (escluse le grandi città) rivela infatti come le piccole e grandi migrazioni, la crisi demografica e il dinamismo insediativo che caratterizzano quest’epoca incidano sui livelli di urbanizzazione e, più in generale, sull’economia e la vitalità delle città.

“A causa del diffuso fenomeno di spopolamento dei centri minori anche nel nostro territorio– rimarcano Malossi e Lucchi -, ad abitare in queste città rimangono, non senza difficoltà, i più anziani. In queste città spesso a mancare non sono solo i giovani: il crescente fenomeno dei negozi sfitti nelle città, ancor più evidente nei centri storici, è dovuto a cause diverse quali, ad esempio, la modifica del comportamento di acquisto, la mancata corrispondenza tra l’offerta commerciale e la mutata domanda del consumatore, problemi di vivibilità, accessibilità e declino urbano".

“Seppure dalla ricerca emerga che le attività di ristorazione sono tra le poche in crescita tra il 2008 e il 2018, con un tasso del +15,1%, lo spopolamento dei centri urbani rappresenta una minaccia anche per il nostro settore – aggiungono i due presidenti -.Il proliferare di attività di ristorazione senza servizio, senza personale, con locali di pochi metri quadrati sta creando seri squilibri nella qualità dell’offerta commerciale delle città. Per contrastare tale tendenza, è necessario attuare politiche di rigenerazione urbana innovative in grado di promuovere valori comuni, in ambito sociale, culturale ed economico, e di favorire l’integrazione tra i vari livelli di governo e tra imprese, società, associazioni e anche singoli individui nell’ordine di rafforzare le economie urbane e contrastare la desertificazione commerciale. In questo senso servono anche politiche condotte dagli enti locali, incentivanti nei confronti del commercio al dettaglio pilastro per la coesione sociale dei piccoli centri e delle città”.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Tra un anno il nuovo studentato, "Campus come pochi in Italia. Parcheggi? Un finto problema"

  • Cronaca

    San Valentino e Carnevale, il bilancio della Guardia di Finanza: fioccano i sequestri di articoli

  • Cronaca

    Il più vecchio kebab di Cesena fa carriera: "Aperti due locali, clientela al 90% italiana"

  • Politica

    Elezioni, il Pd candida 24 consiglieri comunali: tanti esponenti della "società civile" scendono in campo

I più letti della settimana

  • Colpito da un malore fatale esce di strada con l'auto: muore 62enne

  • Dietro il "porta a porta" c'era una vendita piramidale con ricatti ai venditori e truffe ai clienti

  • Falciato da un'auto mentre attraversa la strada sul ponte, muore un anziano

  • "Pronto Alice Pignatti? Lei non è in regola coi vaccini": gaffe del Comune con la mamma-simbolo

  • Hanno il pallino del commercio: fanno rinascere l'ex Matrix, ma non sarà un bar

  • Il finto tecnico del gas simula un cantiere e raggira tutte le persone in strada: truffata un'anziana

Torna su
CesenaToday è in caricamento