Presenza diffusa, il focus sulle cooperative in Provincia: i settori principali

Dall’elaborazione dell’Osservatorio economico della Camera di commercio della Romagna, risultano presenti in provincia di Forlì-Cesena, 577 cooperative “attive”

La diffusione delle imprese cooperative in Italia è ampia articolata anche a livello territoriale: nella Romagna – Forlì-Cesena e Rimini sono 967 le cooperative attive. Una presenza diffusa che si ripropone con particolare intensità in l’Emilia Romagna. 

La Cooperazione in provincia di Forlì-Cesena

Dall’elaborazione dell’Osservatorio economico della Camera di commercio della Romagna, dei dati dell’Albo Nazionale delle Società Cooperative del Mise, al 30/09/2019, risultano presenti in provincia di Forlì-Cesena, 577 cooperative “attive”. Le società cooperative sono quelle iscritte obbligatoriamente all’Albo Nazionale del Ministero dello Sviluppo Economico (D.M. 23/06/2004), previa registrazione al Registro Imprese della Camera di commercio di competenza.

Riguardo alle principali categorie di appartenenza, il 32,6% (188 unità) sono cooperative di “produzione e lavoro”, il 7,3% (42) di “conferimento prodotti agricoli e allevamento”, il 3,3% (19) di “lavoro agricolo”, il 3,1% (18) “edilizie di abitazione” e l’1,6% (9) di “trasporto”; una quota relativamente alta, inoltre, risulta attribuita alla categoria residuale “altre cooperative” (24,8%, 143 unità).
In provincia sono poi presenti 135 cooperative sociali (il 23,4% del totale del sistema cooperativo), iscritte sempre all’Albo Nazionale: tra queste, 60 sono unità “di tipo A” (operanti nella gestione dei servizi socio-sanitari, assistenziali ed educativi), 32 unità “di tipo B” (destinate allo svolgimento di attività finalizzate all’inserimento lavorativo di persone svantaggiate) e 38 unità “di tipo misto A+B”. 
In ultimo, nel confronto con le altre province emiliano-romagnole, Forlì-Cesena raggiunge ottimi risultati: 5° posto per ciò che riguarda il numero delle cooperative totali (9,9% dell’Emilia-Romagna) e 2° posto per ciò che concerne la presenza delle cooperative sociali (12,8%, dietro solo a Bologna); inoltre, l’incidenza delle seconde sulle prime (23,4%) pone il territorio provinciale in 2° posizione (dopo Rimini), con un peso superiore a quello regionale (18,1%).  

L’elaborazione dell’Osservatorio economico della Camera di commercio della Romagna, dei dati dell’Albo Nazionale delle Società Cooperative del Mise, conferma l’importanza del sistema cooperativo a livello nazionale e regionale e anche nell’area Romagna, che vede, al 30 settembre 2019, la presenza di 967 cooperative “attive”. Le società cooperative sono quelle iscritte obbligatoriamente all’Albo Nazionale del Ministero dello Sviluppo Economico, istituito con D.M. 23/06/2004, previa registrazione al Registro Imprese della Camera di commercio di competenza.

Riguardo i principali settori di attività, il 33,1% (320 unità) sono cooperative di “produzione e lavoro”, il 5,3% (51) di “conferimento prodotti agricoli e allevamento”, il 4,4% (43) “edilizie di abitazione”, il 2,2% (21) di “lavoro agricolo” e il 2,1% (20) di “trasporto; una quota relativamente alta, inoltre, risulta attribuita alla categoria residuale “altre cooperative” (21,3%, 206 unità).

In Romagna sono poi presenti 257 cooperative sociali (il 26,6% delle cooperative totali), iscritte sempre all’Albo Nazionale: tra queste, 113 sono unità “di tipo A” (operanti nella gestione dei servizi socio-sanitari, assistenziali ed educativi), 62 unità “di tipo B” (destinate allo svolgimento di attività finalizzate all’inserimento lavorativo di persone svantaggiate) e 69 unità “di tipo misto A+B”. L’incidenza delle cooperative sociali su quelle totali, infine, è molto più alta rispetto allo stesso peso che si riscontra in Emilia-Romagna (18,1%).

“I dati confermano l’importanza della cooperazione come uno degli asset che caratterizzano il tessuto imprenditoriale romagnolo. La cooperazione, infatti, grazie alle peculiarità del suo modello imprenditoriale, persegue finalità e obiettivi intessuti di valori che vanno oltre l’obiettivo del solo profitto, dando un contributo fattivo allo sviluppo economico e sociale del Territorio - commenta Alberto Zambianchi, presidente della Camera di commercio della Romagna -. Va evidenziato, inoltre, che la cooperazione, colpita anch’essa fortemente dalla crisi economica dell’ultimo decennio, proprio per le sue specificità, è stata in grado di dimostrare una forte resilienza, di ottenere, in alcuni casi, performance nettamente positive e di conseguire modelli imprenditoriali innovativi, quali per esempio il fenomeno dei workers buy out e delle cooperative di comunità”
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Una passione grande per il Cesena, Savignano piange il suo barista: "Un tifoso vero"

  • Sospetta overdose, un 41enne trovato senza vita in un casolare di campagna

  • Cerca l'incontro consensuale, ma trova all'improvviso la pretesa di soldi per sesso: denunciato estorsore

  • Violento scontro tra l'utilitaria e il camion, una ferita grave sull'E45

  • Autoerotismo in giro per la città: 15enne nei guai, diverse donne spaventate

  • Schianto tra due auto in galleria nel cantiere in E45: un ferito grave

Torna su
CesenaToday è in caricamento