Lucifero batte la crisi. A ferragosto la riviera fa il pieno

"Tutto sommato la settimana di ferragosto è andata bene, ma è come sparare sull'ambulanza" parola di Simone Battistone presidente dei Bagnini di Cesenatico

Alessandro Mazza 20 agosto 2012

“Tutto sommato la settimana di ferragosto è andata bene, ma è come sparare sull'ambulanza” parola di Simone Battistone presidente della Cooperativa Bagnini di Cesenatico. Complice il bel tempo, i "bagni" della riviera hanno accolto migliaia di turisti cercando di colmare la “sofferenza” registrata nel mese di luglio. Giancarlo Barocci, presidente dei bagnini, invece è inviperito. “Così non va, l'80% degli alberghi sono delle catapecchie e la burocrazia questo ammazza il turismo, Provincia e Regione devono vergognarsi”.

Battistone sembra sollevato, al momento le battaglie che lo hanno visto a capo della protesta che ha ammainato gli ombrelloni contro la Bolkestein sanno di un vecchio ricordo. “La settimana del ferragosto è andata bene – ha detto complice il bel tempo e quella che segue è partita bene. Ce la giochiamo tutta con il bel tempo”. Più incerto invece l'andamento della stagione. “E' stata una settimana di vuoti con un luglio in sofferenza sia nelle presenze che nei consumi. Speriamo in queste settimane di recuperare il calo dei mesi scorsi; una cosa mai successa prima. Cito i dati nazionali: per la prima volta il 51% degli italiani è stato a casa e solo il 49% è andato in vacanza”.

Una settimana che si è chiusa in bellezza. Ne è prova anche l'afflusso di turisti che ha preso d'assedio le strade per la riviera. Le code e il traffico rallentato sulla statale e sulle vie interne della città già dalle prime ore di sabato mattina erano il preludio a un trend che si è confermato... anche grazie a Lucifero.

Annuncio promozionale

Cesenatico
turismo

Commenti