Regali di Natale, il trionfo dei cesti: "Si è puntato sulla qualità"

Questi i dati che emergono dall’indagine sulle vendite del periodo pre-natalizio effettuata da Confcommercio Emilia Romagna

L’andamento degli acquisti legati al Natale continua a premiare il prodotto di qualità. Le ceste natalizie con prodotti alimentari tipici del territorio sono i regali più venduti, insieme a maglieria, camicie, profumi ed accessori, meglio se di marca. Questi i dati che emergono dall’indagine sulle vendite del periodo pre-natalizio effettuata da Confcommercio Emilia Romagna, tramite il centro studi Iscom Group, su un panel di imprese commerciali anche del territorio cesenate del comparto alimentare ed extralimentare (abbigliamento, calzature, accessori, profumeria, oggettistica, giocattoli, ecc.), per monitorare l’andamento delle vendite di questo Natale e gli orientamenti di spesa delle famiglie emiliano-romagnole.

In base all’indagine il 66% degli operatori intervistati dichiara vendite stabili (48%) o in aumento (18%) rispetto allo scorso anno. Le aspettative di vendita per l’ultima settimana di Natale sono decisamente orientate all’ottimismo. Sono i prodotti alimentari a dominare la classifica dei regali più acquistati per questo Natale: nel comparto alimentare il 39% degli operatori dichiara vendite in aumento rispetto allo scorso anno e un altro 56% dichiara comunque un andamento stabile. Solo il 6% evidenzia una diminuzione delle vendite. I punti vendita di abbigliamento e di beni persona e casa presentano per ora un andamento prevalentemente stabile, su cui influisce maggiormente il fatto di avere ancora un fine settimana immediatamente precedente il Natale, su cui si ripongono buone aspettative.

"Anche nella nostra area cesenate il consumatore è sempre più alla ricerca di prodotti di qualità e di un servizio altamente professionale - commenta il direttore Confcommercio cesenate Giorgio Piastra -. La grande professionalità e il servizio della rete commerciale dei negozi di vicinato – prosegue Fantini – sono una risposta concreta alla ricerca di qualità. Per questo  le Confcommercio presenti  sul territorio regionale hanno condotto una serie di iniziative volte a promuovere gli acquisti natalizi nei negozi “sottocasa” che animano le nostre Città. Solamente il 20% degli operatori segnala una prevalenza di acquisti di prodotti economici (nel 2016 tale percentuale era pari al 40%): a conferma che il consumatore non è più solo attento al prezzo ma quando spende cerca qualità e funzionalità del prodotto e del servizio".

"Il consumatore - aggiunge Piastra - si è molto orientato all’acquisto del Made in Italy, di prodotti dal brand affermato ed in ogni caso di alta qualità: maglioni, pantaloni e sciarpe i prodotti più venduti.  La spesa media per cliente per l’abbigliamento è di circa 114 euro, e per i beni persona è di circa 87 euro; il valore è più contenuto per gli altri beni (in particolare oggettistica, giocattoli e libri). La spesa per gli alimentari si attesta a 35 euro in media.  La spesa media degli alimentari è cresciuta negli anni, raddoppiando il valore dal 2014; anche per l’abbigliamento e beni persona la spesa del 2018 è superiore a quella degli anni precedenti ma con un andamento altalenante.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    E45,la riapertura ai mezzi pesanti non c'è: ci sarà una protesta dei Tir Lumaca

  • Economia

    Piano anti-crisi contro i fallimenti aziendali: in tre anni assistite da Confcommercio oltre 150 imprese

  • Cronaca

    Continua la missione del libro a favore del restauro dei Codici Malatestiani

  • Cronaca

    Poche piogge e temperature anomale: fino al 2 aprile lo "stato di attenzione" per incendi boschivi

I più letti della settimana

  • Colpito da un malore fatale esce di strada con l'auto: muore 62enne

  • Falciato da un'auto mentre attraversa la strada sul ponte, muore un anziano

  • Hanno il pallino del commercio: fanno rinascere l'ex Matrix, ma non sarà un bar

  • "Pronto Alice Pignatti? Lei non è in regola coi vaccini": gaffe del Comune con la mamma-simbolo

  • Il finto tecnico del gas simula un cantiere e raggira tutte le persone in strada: truffata un'anziana

  • Dopo 34 anni lascia via Battisti: 300 metri cambiano in meglio la vita di una commerciante

Torna su
CesenaToday è in caricamento