Regali di Natale, il trionfo dei cesti: "Si è puntato sulla qualità"

Questi i dati che emergono dall’indagine sulle vendite del periodo pre-natalizio effettuata da Confcommercio Emilia Romagna

L’andamento degli acquisti legati al Natale continua a premiare il prodotto di qualità. Le ceste natalizie con prodotti alimentari tipici del territorio sono i regali più venduti, insieme a maglieria, camicie, profumi ed accessori, meglio se di marca. Questi i dati che emergono dall’indagine sulle vendite del periodo pre-natalizio effettuata da Confcommercio Emilia Romagna, tramite il centro studi Iscom Group, su un panel di imprese commerciali anche del territorio cesenate del comparto alimentare ed extralimentare (abbigliamento, calzature, accessori, profumeria, oggettistica, giocattoli, ecc.), per monitorare l’andamento delle vendite di questo Natale e gli orientamenti di spesa delle famiglie emiliano-romagnole.

In base all’indagine il 66% degli operatori intervistati dichiara vendite stabili (48%) o in aumento (18%) rispetto allo scorso anno. Le aspettative di vendita per l’ultima settimana di Natale sono decisamente orientate all’ottimismo. Sono i prodotti alimentari a dominare la classifica dei regali più acquistati per questo Natale: nel comparto alimentare il 39% degli operatori dichiara vendite in aumento rispetto allo scorso anno e un altro 56% dichiara comunque un andamento stabile. Solo il 6% evidenzia una diminuzione delle vendite. I punti vendita di abbigliamento e di beni persona e casa presentano per ora un andamento prevalentemente stabile, su cui influisce maggiormente il fatto di avere ancora un fine settimana immediatamente precedente il Natale, su cui si ripongono buone aspettative.

"Anche nella nostra area cesenate il consumatore è sempre più alla ricerca di prodotti di qualità e di un servizio altamente professionale - commenta il direttore Confcommercio cesenate Giorgio Piastra -. La grande professionalità e il servizio della rete commerciale dei negozi di vicinato – prosegue Fantini – sono una risposta concreta alla ricerca di qualità. Per questo  le Confcommercio presenti  sul territorio regionale hanno condotto una serie di iniziative volte a promuovere gli acquisti natalizi nei negozi “sottocasa” che animano le nostre Città. Solamente il 20% degli operatori segnala una prevalenza di acquisti di prodotti economici (nel 2016 tale percentuale era pari al 40%): a conferma che il consumatore non è più solo attento al prezzo ma quando spende cerca qualità e funzionalità del prodotto e del servizio".

"Il consumatore - aggiunge Piastra - si è molto orientato all’acquisto del Made in Italy, di prodotti dal brand affermato ed in ogni caso di alta qualità: maglioni, pantaloni e sciarpe i prodotti più venduti.  La spesa media per cliente per l’abbigliamento è di circa 114 euro, e per i beni persona è di circa 87 euro; il valore è più contenuto per gli altri beni (in particolare oggettistica, giocattoli e libri). La spesa per gli alimentari si attesta a 35 euro in media.  La spesa media degli alimentari è cresciuta negli anni, raddoppiando il valore dal 2014; anche per l’abbigliamento e beni persona la spesa del 2018 è superiore a quella degli anni precedenti ma con un andamento altalenante.

Potrebbe interessarti

  • 5 trucchi per sopravvivere all'estate senza aria condizionata

  • Aperitivi all'aperto a Cesena: ecco la top 5

  • Controllo caldaie, le informazioni su pulizia e controlli fumi

  • I 5 segreti della tintarella perfetta

I più letti della settimana

  • Travolta sulle strisce mentre porta a spasso il cagnolino: inutile la corsa al Bufalini

  • Dopo lo schianto contro una macchina agricola finisce nel fosso: muore all'ospedale

  • Ecco il nuovo consiglio comunale, una maggioranza consistente per il neosindaco Enzo Lattuca

  • Lattuca alza il sipario sulla nuova giunta: ecco la squadra dei suoi assessori

  • Colpito da un malore fatale in spiaggia, muore un turista svizzero

  • 5 trucchi per sopravvivere all'estate senza aria condizionata

Torna su
CesenaToday è in caricamento