Crisi del commercio in centro, la proposta del comitato: "Un parcheggio all'autoparco comunale"

"Quanto alla pedonalizzazione del perimetro di centro sperimentata a dicembre, Confartigianato è favorevole, attuandola nei fine settimana e accompagnata da una serie di azioni virtuose"

Un decalogo di auspicabili interventi per far fronte alla crisi di commercio e artigianato di servizio in centro storico. A diffonderlo è il Comitato di Zona Confartigianato Cesena, presieduto da Stefano Soldati e coordinato da Giampiero Placuzzi, vicesegretario di Confartigianato Cesena.

“Un serio dibattito sul centro non può prescindere dall'analisi della evoluzione funzionale e socioeconomica che ha subito l'area antica – affermano il presidente Soldati  e il coordinatore Placuzzi -: nel tempo, al di là di tutta una serie di cause contingenti, il centro ha perso appetibilità e visitatori perché le sono stati tolti molti servizi e funzioni, l'ultima è stata l'Università, e ciò ha provato un evidente depauperamento. Da questo contesto non si può prescindere. Detto questo, la crisi del commercio-artigianato di prossimità è causato da un insieme di elementi: margini ridotti, alto costo degli affitti, complicazione burocratica, politiche della sosta e parcheggi penalizzanti soprattutto a confronto con quelle della grande distribuzione collocata a Cesena in prossimità del centro  abitudini d'acquisto cambiate e convogliate nel fine settimana; crescita del commercio on line; scarsa capacità di fare rete tra gli operatori per coordinare politiche di offerta commerciale e di mercato, come il marchio unico e le politiche di fidelizzazione”.

“Il problema della concorrenza sleale tra il commercio tradizionale e quello on-line, per via della tassazione – prosegue il Comitato di zona di Confartigianato  - non può essere risolto a livello locale, ma dalla Ue. Quello del commercio on-line può diventare una risorsa anche per il commercio tradizionale attraverso una auspicata piattaforma comune tra gli operatori tradizionali legata a un marchio, per ridurre i costi del commercio in rete, sfruttando l'assenza del costo e dell'inquinamento ambientale di consegna: il cliente ritira in negozio”.

“Servono anche provvedimenti dell'amministrazione – aggiunge il presidente Soldati -, dalla riduzione o esenzione delle tasse comunali alla semplificazione burocratica, per i gestori. Quanto alla pedonalizzazione del perimetro di centro sperimentata a dicembre, Confartigianato è favorevole, attuandola nei fine settimana e accompagnata da una serie di azioni virtuose: i bus non devono circolare nel perimetro e avere le fermate disposte a corona,  come a corona devono essere realizzati parcheggi a raso, a partire dal Sacro Cuore. Dall'altra parte del centro la nostra proposta è di prendere in considerazione l'ampio spazio dell'autoparco comunale dove potrebbe essere essere realizzato un parcheggio sopraelevato”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Le nostre altre proposte – rimarcano Soldati e Placuzzi - sono l'istituzione del security city manager e di pattuglie di agenti di prossimità per incrementare la sicurezza in centro;potenziare i servizi distintivi del centro come macchinine elettriche, tipo quelle da campo di golf, che collegano le fermate dei bus con il cuore del centro; servizio di pulizia durante le ore diurne, con una squadra di operatori dedicata; rinnovare l'arredo pubblico e curare bene  la manutenzione. Quanto agli eventi in centro sono importanti, ma meglio concentrarsi su pochi  e di rilievo. Va inoltre potenziata l'attrattività turistica con un progetto mirato in ambito di “Destinazione Romagna” che oltre ai nostri punti di forza rivaluti l'evento storico dell'eccidio dei cesenati del 1377 e la figura di Fra Michelino, come ha rilevato Daniele Gualdi. La possibilità di far diventare Cesena Città del libro è preziosa per consolidare l'identità culturale della nostra città”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Paura in A14, un camion si ribalta sul fianco della carreggiata: perde la vita un cavallo

  • Il 15enne positivo al virus, Spiaggia 23: "I dipendenti tutti negativi, trattati come appestati"

  • Paura in autostrada, il camion Hera prende fuoco: l'autista si rifugia nella corsia d'emergenza

  • Grandine come piccole pesche, l'azienda agricola conta i danni: "Dopo 3 mesi chiusi non ci voleva"

  • Scongiurato il 'focolaio' a Cesena, il nuovo caso non collegato al 15enne: è uno straniero del Cas

  • Grandine devastante nell'entroterra cesenate. Colpita la zona di Sarsina, crollata una quercia secolare

Torna su
CesenaToday è in caricamento