Confcooperative si prepara all'assemblea dei 70 anni: "Sistema in crescita"

Venerdì il tradizionale momento di incontro con le associate, le istituzioni e tutto il territorio

L’Assemblea annuale di Confcooperative si tiene venerdì a Cesena alle ore 16.  Come sempre un momento importante di incontro con le associate, le istituzioni e il territorio tutto, per condividere un bilancio fatto non solo di numeri. Accanto all’analisi dell’andamento di un sistema  di imprese che si conferma sempre più centrale nell’economia locale  con vere e proprie locomotive che ne trainano lo sviluppo (agroalimentare, avicolo, sociale), è l’occasione per fare il punto dell’attività svolta, delle sfide raccolte, delle strategie messe in campo e, quest’anno, per ripercorrere velocemente 70 anni di storie, di persone e di trasformazione. Sarà ovviamente l’occasione anche per raccontare le nuove frontiere della cooperazione con cui Confcooperative Forlì Cesena si è misurata e si sta misurando.

 “L’assemblea dei 70 anni si intitola 'Far crescere persone, nutrire comunità'  - dichiara il presidente Mauro Neri - è un titolo che crediamo possa riassumere  la nostra idea di cooperazione,   quell’idea che ci accompagna nell’impegno quotidiano  a fianco delle nostre associate e che ci guida quando proviamo a  interpretare, ancora oggi, lo spirito dei padri fondatori. E’ una visione che ha come primo obiettivo la tenuta sociale delle nostre comunità e la crescita del nostro territorio, in cui le cooperative  sono profondamente ancorate, ancora in grado di farsi carico dei bisogni vecchi e nuovi”.

Il programma della giornata assembleare

Il programma dell’assemblea prevede alle ore 16 i saluti istituzionali di Monsignor Douglas Regattieri Vescovo di Cesena, del sindaco di Cesena Enzo Lattuca e dell’On. Jacopo Morrone. Seguirà un momento di presentazione dei dati relativi all’andamento del sistema Confcooperative in forma multimediale e un dibattito moderato dalla giornalista Simona Branchetti tra il presidente nazionale di Confcooperative Maurizio Gardini, il presidente dell’Unione Forli Cesena Mauro Neri, il direttore nazionale Fabiola di loreto e il direttore di Confcooperative FC Mirco Coriaci.

Segue una conversazione con Romano Baccarini e un dialogo intervento con Kristian Gianfreda regista del film “Solo Cose belle”.
I numeri del sistema Confcooperative  

Gli indicatori  presi in considerazione riguardano come sempre il numero di cooperative associate,  i soci, gli occupati, il valore della produzione, il capitale sociale, le retribuzioni. Sono dati reali che provengono dai bilanci 2018 delle cooperative aderenti, forniscono dunque una fotografia puntuale e aggiornata del peso economico della cooperazione di Confcooperative nel territorio provinciale.
L’andamento che Confcooperative Forlì Cesena presenta quest’anno consente  una lettura in prevalenza positiva, con dati in crescita per addetti, Valore della produzione, che aumenta di un 4,57 % assestandosi su quasi 4 miliardi e mezzo di Euro, e numeri di associate.
Sono  268 le cooperative aderenti nel 2018 a fronte delle 261 del 2017. Il numero è frutto come sempre di un saldo tra cessazioni e nuove adesioni.  Queste ultime sono state una ventina, chiuse invece 13.  Settantuno sono le cooperative guidate da donne.

Il Valore della produzione è trainato dall’Avicunicolo, che registra rispetto al 2017 un aumento del 3,5 per cento (circa 85 milioni di euro) e Ortofrutticolo con un +7%. Presenta una crescita significativa anche il Sociale (+ 15 %), un settore sempre più vitale in prospettiva per i bisogni della comunità in particolare nella cura degli anziani e dei bambini.  Stabile il dato dei soci, che in totale è di 37.516 unità.
Per quanto riguarda il numero degli Occupati (+ 15,72%) si passa dai 16.963 del 2017 ai 19.630 del  2018.  Prosegue il trend positivo che ha caratterizzato questo indicatore negli ultimi anni; segno di una potenzialità occupazionale che la cooperazione continua a rappresentare anche in tempi difficili. Del totale degli addetti, 11.800 sono donne, con un aumento del 17%. I settori con maggiore occupazione femminile sono l’Avicunicolo, il Sociale, l’Ortofrutticolo e i  Servizi.  Sono settori che, relativamente agli addetti in generale, continuano ad assorbire manodopera.

Il Capitale sociale delle cooperative supera  i 100 milioni di  euro e il Patrimonio netto supera i  663 milioni, valore in aumento rispetto allo scorso anno.  Si evidenzia dunque una continua crescita della solidità delle imprese.
Tra  gli altri dati economici rilevati riportiamo quello sulle Retribuzioni complessive, che con un + 7,63%, raggiungono  un valore di  oltre 486 milioni. Gli Oneri finanziari pagati sono in flessione segnale di una progressiva emancipazione dal credito.  

“Gli andamenti degli ultimi anni mostrano un trend sostanzialmente in crescita  - commenta il direttore Mirco Coriaci  - confermando l’attualità del modello cooperativo. Non è importante il clamore dei numeri, ma crediamo sia fondamentale continuare a presidiare in maniera positiva il territorio, esserci. Questa  rimane dopo 70 anni la nostra mission principale”.

Potrebbe interessarti

  • Il "metodo 333" per un guardaroba ordinato e completo di tutto

  • Pesciolini della carta: cosa sono e come liberarsene

  • Aspettare tre ore prima di fare il bagno dopo mangiato: tutta la verità

  • Assegno di maternità: cos'è e come richiederlo

I più letti della settimana

  • E' un'estate di sangue, nuova tragedia: centauro cesenate perde la vita

  • Nuova tragedia stradale: perde la vita uno studente 17enne

  • Salta la fila, urta una bimba e lo insulta. Scoppia la lite con ceffone

  • Incidente in un allevamento durante le operazioni pulizia: un morto

  • Auto travolge un corridore: è grave. Ferito identificato dopo l'appello sui social

  • Il Cesena e il Rotary piangono Maurizio Borghetti: l'imprenditore con la passione dei viaggi e del calcio

Torna su
CesenaToday è in caricamento