Confartigianato cesenate aderisce all'appello di SmeUnited: "Europa, pensa anzitutto al piccolo"

Si tratta di un memorandum che indica 10 priorità per cambiare marcia e mettere finalmente l’artigianato e le pmi al centro dell’agenda politica europea

Incombono le elezioni amministrative, ma anche le Europee dell'Election day del 26 maggio coinvolgono le imprese cesenati aderenti a Confartigianato, che chiedono un'Europa che valorizzi il made in Italy e operi a misura di Pmi. Confartigianato cesenate ha aderito all’appello firmato da SmeUnited, l’Organizzazione europea dell’artigianato e delle Pmi di cui Confartigianato è membro fondatore, che, in vista delle elezioni europee vuole far sentire forte e chiara alle istituzioni di Bruxelles e dei singoli Stati la voce di 24 milioni di imprenditori del vecchio Continente.

Si tratta di un memorandum che indica 10 priorità per cambiare marcia e mettere finalmente  l’artigianato e le pmi al centro dell’agenda politica europea. La campagna di SmeUnited condivisa con Confartigianato e le organizzazioni delle Pmi di tutta Europa è un monito preciso a chi guiderà le istituzioni dell’Ue: bisogna ripartire dalla realtà del tessuto produttivo e dagli impegni assunti nei confronti delle Pmi con lo ‘Small Business Act’ e l’idea-guida ‘Pensare anzitutto al piccolo’.

“SmeUnited, in vista delle elezioni europee – spiega il Gruppo di Presidenza Confartigianato cesenate - ha voluto lanciare una campagna che evidenziasse le richieste delle Pmi e dell’artigianato in Europa; è stata presentata il 21 febbraio al Parlamento europeo  Confartigianato, sin dalla nascita di Ueapme che oggi si chiama SmeUnited, ha dedicato gran parte del suo impegno a riaffermare l’importanza dell’artigianato e delle Pmi, vale a dire il 98% degli imprenditori europei, che hanno sostenuto la crescita, hanno investito e hanno fatto sì che l’economia europea continuasse a marciare anche in un periodo difficile”.

Tra le priorità indicate nel memorandum tanti gli aspetti che stanno a cuore ai piccoli imprenditori: dall’accesso al credito per innovare ed investire alla presenza sui mercati internazionali, dalla digitalizzazione al reperimento di manodopera qualificata. “Confartigianato – rimarca il Gruppo di Presidenza -  vuole un’Europa che valorizzi le nostre imprese attraverso gli investimenti in formazione, nel digitale, per consentirci di essere protagonisti dell’economia circolare. Tra i temi che ci stanno a cuore anche la tutela del ‘made in’, con una normativa che consenta la tracciabilità e la riconoscibilità della nostra qualità manifatturiera. Da parte della Commissione Ue che verrà eletta vogliamo un nuovo approccio a quel 98% di imprese che intendono continuare a produrre in un’Europa che le sostenga”.
 

Potrebbe interessarti

  • 13 utilizzi del bicarbonato di sodio che ancora non conoscete

  • Il "metodo 333" per un guardaroba ordinato e completo di tutto

  • Pesciolini della carta: cosa sono e come liberarsene

  • Aspettare tre ore prima di fare il bagno dopo mangiato: tutta la verità

I più letti della settimana

  • Tragico incidente in via Dismano: quattro morti, tra loro due fratelli minori

  • Dopo la strage di via Dismano un altro dramma stradale: un morto e tre feriti in uno scontro frontale

  • Auto travolge un corridore: è grave. Ferito identificato dopo l'appello sui social

  • Scene da panico a Valverde: colpisce un taxi e due auto e prova a scappare, arrestato

  • Una fusione di tradizioni: dopo 27 anni la storica osteria in centro cambia gestione

  • Pericolo pubblico al volante: guida ubriaco fradicio, senza assicurazione e senza patente

Torna su
CesenaToday è in caricamento