Codice degli appalti, le associazioni di categoria alla politica: "Più attenzione per le imprese locali"

"Oggi più di ieri, è necessario che gli investimenti degli Enti Pubblici locali creino principalmente opportunità per le aziende del territorio"

Le associazioni delle imprese del mondo artigiano e cooperativo, Cna, Confartigianato, Confcooperative e Legacoop Romagna, si  rivolgono alla Politica  e alle Istituzioni locali sollecitando  una particolare attenzione al tessuto economico territoriale. "Considerato che il Codice degli appalti prevede diverse procedure per l’assegnazione dei lavori, come associazioni di impresa, chiediamo che vengano tutte esperite e siamo disponibili a confrontarci sull’argomento con l’obiettivo di tutelare le imprese del territorio nel pieno rispetto della legalità e di quanto previsto dalle leggi in materia. Non chiediamo corsie preferenziali o attenzioni particolari  restiamo in prima fila nella battaglia per il rispetto delle regole consapevoli però che oggi più di ieri, è necessario che gli investimenti degli Enti Pubblici locali creino principalmente opportunità per le aziende del territorio al fine di dare sicurezze alle nostre comunità".

"In questa fase di difficile uscita dalla pandemia è necessaria una particolare attenzione da parte delle Istituzioni al tessuto economico territoriale. Il rischio di lasciare sul terreno molte piccole e medie imprese, di tutti i settori produttivi, travolte dal lockdown e  impegnate in una fase di ripartenza complessa, richiede una particolare attenzione da parte dell’Ente Pubblico nell’applicazione delle procedure  che la legge sugli Appalti prevede, previlegiando, per le gare sopra soglia Europea, l’aggiudicazione con il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa, dove oltre al prezzo vengono valutati requisiti tecnici di qualità dell’impresa e di presenza territoriale, mentre per le gare sotto soglia, l’istituzione di Elenchi di Aziende  di fiducia per i vari settori merceologici, che a rotazione vengono interpellate. E’ questa la richiesta che le associazioni delle imprese del mondo artigiano e cooperativo, CnaFC, Confartigianato, Confcooperative Fc e Legacoop Romagna,  rivolgono alla Politica, ribadendo quanto già richiesto, ma non adeguatamente ascoltato, in occasione della videoconferenza del Tavolo Istituzionale Provinciale voluto dalla Regione, che riunisce oltre alla Provincia le associazioni di categoria e sindacati".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Come associazioni di impresa, siamo disponibili a confrontarci sull’argomento con l’obiettivo di tutelare le imprese del territorio nel pieno rispetto della legalità e di quanto previsto dalle leggi in materia. Non chiediamo corsie preferenziali o attenzioni particolari  restiamo in prima fila nella battaglia per il rispetto delle regole  consapevoli però che oggi più di ieri, è necessario che gli investimenti degli Enti Pubblici locali creino principalmente opportunità per le aziende del territorio al fine di dare sicurezze alle nostre comunità.  Oggi più di ieri è fondamentale avere una Politica che si assuma le responsabilità rispetto alla tenuta economica e sociale  del  nostro territorio Provinciale e che abbia una visione  programmatica futura a medio/lungo termine  al fine di fornire alle aziende le linee guida per uno sviluppo sostenibile".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cesenatico, dalle spiagge libere alle aree polifunzionali: ecco l'ordinanza balneare anti-Covid

  • Fischietti di San Giovanni e mazzetti di lavanda, sarà una festa sobria ma ci sarà

  • Addio a Tinin Mantegazza, "Cesenatico perde un artista e un creativo incredibile"

  • Coronavirus, un nuovo caso di positività: quelli totali da inizio emergenza sono 783

  • Si torna alla normalità, chiude il reparto Covid del Bufalini: "Esperienza dura e toccante"

  • Covid-19, un nuovo caso a Cesena, in regione il 74% dei malati ha sconfitto il virus

Torna su
CesenaToday è in caricamento