Cesena Fiera non sente la crisi: fatturato ed eventi in aumento

Nonostante la crisi che sta attraversando il settore fieristico/congressuale europeo ed italiano, il Bilancio di Cesena Fiera si pone in controtendenza registrando un aumento sia in termini economici che di utilizzo delle strutture

Un fatturato di oltre 3,3 milioni di Euro con un aumento del +1.5% sul 2010, frutto di un intenso programma ricco di 30 manifestazioni - che hanno occupato i padiglioni fieristici per oltre 200 giorni - e di un incremento dell'attività congressuale con 80 eventi (12% sull'anno precedente). Questi i dati salienti del Bilancio di Cesena Fiera approvato nella mattinata di venerdì  dalla Assemblea dei Soci.

«Nonostante la crisi che sta attraversando il settore fieristico/congressuale europeo ed italiano, il Bilancio di Cesena Fiera si pone in controtendenza registrando un aumento sia in termini economici che di utilizzo delle strutture, con un utile di 1.126 Euro, conseguito con accantonamenti a fondi per rischi ed oneri di 946.000 Euro», sottolinea il Presidente della SpA, Domenico Scarpellini, al termine dell'Assemblea. «Un contributo importante al raggiungimento di questi obbiettivi -aggiunge Scarpellini- è sicuramente dovuto ai lusinghieri risultati ottenuti da Macfrut, resi possibili grazie anche al fondamentale apporto assicurato dai Soci istituzionali, e di questo voglio ringraziare sentitamente la Camera di Commercio, il Comune di Cesena e la Provincia di Forlì-Cesena». «Ora il nostro impegno -conclude il Presidente- è concentrato sull’edizione 2012 di Macfrut. I segnali che arrivano dagli operatori, lasciano prevedere che la prossima edizione sarà quanto meno all'altezza di quella precedente».

«I risultati ottenuti da Cesena Fiera –sottolinea Paolo Lucchi, Sindaco di Cesena- ne confermano la solidità economica e la buona gestione, testimoniata anche dal successo delle manifestazioni organizzate, prima fra tutte Macfrut, divenuto un palcoscenico di prima grandezza, apprezzato dalle imprese ed in grado di competere con i principali eventi fieristici europei e mondiali. Queste caratteristiche ci portano a rivendicare un ruolo da protagonisti nei processi di supporto al nostro sistema imprenditoriale, garantiti attraverso il sistema fieristico dell'Emilia-Romagna. Siamo convinti che, soprattutto in questa fase delicata, sia indispensabile che il territorio romagnolo operi in maniera integrata sui grandi temi, dalla sanità alla cultura, dalla logistica ai trasporti, all’università, e quindi anche sul sistema fieristico. E ribadiamo con orgoglio la convinzione che tutto questo debba avvenire utilizzando al meglio le caratteristiche del nostro territorio, della sua identità ed economia, per poter perseguire con ancora maggior forza il percorso di valorizzazione della nostra filiera agroalimentare, così fondamentale per ridurre l'impatto negativo di questa ormai infinita crisi economica».
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, sale il numero di positivi: nessun caso in Romagna, 19 in Emilia

  • Coronavirus, la decisione in Emilia-Romagna: asili nido, scuole e università chiuse fino al 1°marzo

  • Coronavirus, sale il numero dei contagi in Regione: c'è il primo caso in Romagna

  • Tragico epilogo nelle ricerche, trovato morto l'anziano scomparso a Pievesestina

  • Coronavirus, l'aggiornamento: 47 casi in Regione: a Rimini altri 2 contagi. Paziente partorisce bimbo non positivo

  • Psicosi da Coronavirus, supermercati presi d'assalto e file chilometriche alle casse

Torna su
CesenaToday è in caricamento