Shopping di Natale, Confesercenti scatta la fotografia: cala la fiducia tra i commercianti

È quanto emerge dalla ricerca condotta dal Centro Studi della Confesercenti Cesenate su un campione di 120 imprese commerciali

Un Natale incerto e con più di un timore per i commercianti cesenati. È quanto emerge dalla ricerca condotta dal Centro Studi della Confesercenti Cesenate su un campione di 120 imprese commerciali. "Solo il 13% del campione – spiega il presidente Cesare Soldati - prevede un aumento delle vendite mentre il 40% ritiene che il fatturato sarà uguale allo scorso anno e un importante 47% pensa che le vendite saranno in diminuzione. Gli ottimisti ritengono che niente potrà condizionare le vendite natalizie; fra coloro che prevedono gli stessi incassi del 2017, in maggioranza credono che la situazione economica non migliorata impedisca la propensione ad aumentare le spese".

"Gli esercenti che prevedono minori vendite - continua Soldati - per il 63% ritengono che la situazione economica sia peggiorata e condizioni negativamente la decisione di fare acquisti natalizi. Un altro 25% avverte preoccupazione per la concorrenza delle vendite on line e dei centri commerciali". "Le imprese consultate - interviene Lina Aitella, presidente di Fismo, la categoria moda della Confesercenti - prevedono che la grande maggioranza degli acquisti (69%) sarà concentrata nella settimana prima del Natale mentre una discreta parte del campione (25%) identifica il momento migliore per gli acquisti in seguito alle tredicesime. In particolare gli operatori ritengono che i prodotti più costosi saranno quelli maggiormente penalizzati mentre quelli a basso prezzo dovrebbero mantenere o aumentare le vendite".

"Per quanto riguarda le vendite online - prosegue Lina Aitella - è un segmento su cui ci stiamo impegnando, per accompagnare le imprese associate in momenti di formazione in modo da abbinare le vendite tradizionali a quelle sul web. Occorre considerare, inoltre, che l’avvio dei saldi previsto il 5 gennaio può condizionare gli acquisti più importanti rimandandoli a dopo le festività natalizie". "Speriamo vivamente – conclude Lina Aitella - che le vendite effettive siano superiori alle previsioni in quanto il periodo natalizio è il più importante per il settore".    


 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Neonata morta in culla: il caso giudiziario è chiuso, ma si indaga per studiare la terribile Sids

  • Cronaca

    L'incubo della morte in culla, il pediatra: "Ci sono bimbi più a rischio. E' importante una precauzione"

  • Cronaca

    Si accoltella al petto in casa, trovato sanguinante dalla donna delle pulizie

  • Cronaca

    E45, studenti verso la normalità. Baccini: "Pronti i pulmini che rispettano i limiti della Procura"

I più letti della settimana

  • Dramma per una bimba in un "baby parking": muore ad appena 6 mesi

  • Bimba di sei mesi muore al "baby parking": l'ombra della morte in culla

  • Dopo giorni di ricerche la svolta, trovato nel Savio il cadavere della donna

  • Donna suicida nel Savio, dopo ore il buio convince i sommozzatori a sospendere le ricerche

  • In carrozzina dall'età di 17 anni: "E' rimasto solo e rischia di essere buttato fuori di casa"

  • Cesenatico piange Livio Senni, decano dei ristoratori. Fissati i funerali

Torna su
CesenaToday è in caricamento