Vendeva libri davanti alle scuole, ma è vietato: diffida amministrativa per un commerciante

La diffida amministrativa è stata inserita di recente nell'ordinamento comunale proprio per permettere, senza multe, un ravvedimento del cittadino in buona fede

Ha violato il regolamento comunale che prevede il divieto di vendita ambulante nel raggio di cento metri da una scuola: per questo agenti della Polizia Municipale sono intervenuti sabato mattina davanti ad un istituto scolastico del forese, a Gattolino, per bloccare il commercio di un ambulante che vendeva libri, già notato alcuni giorni prima davanti a diverse scuole del territorio, da Sant'Egidio alle Vigne.

Se da una parte può risultare singolare, nel XXI secolo e con internet che fa ormai da padrone nella distribuzione dei prodotti culturali, la vendita di libri a domicilio e in forma ambulante davanti alle scuole, come si faceva un tempo, dall'altra può essere anche encomiabile il tentativo di portare davanti agli studenti un commercio che riguarda la cultura. Tuttavia questo non è consentito. Il commercio era abbastanza articolato: agli alunni veniva consegnato un volantino all'ingresso di modo che potessero scegliere i loro titoli preferiti durante la permanenza a scuola e poi, all'uscita, poter fare il loro acquisto di libri. Non è stata riscontrata la collaborazione degli istituti scolastici in seno ad un'eventuale progetto di sostegno alla lettura.

I vigili urbani, intervenuti su una segnalazione, hanno verificato che il venditore aveva una regolare licenza per la vendita ambulante nel territorio cesenate, così come è stato controlalto che i gadget ceduti assieme ai libri, per invogliare l'acquisto dei testi, possedevano la marcatura di sicurezza CE (ulteriori verifiche sono in corso sulla merce). Per questo l'azione di questo esercente alla fine rientra tra i primi casi di diffida amministrativa, un avvertimento quindi a non reiterare le violazioni al regolamento del commercio ambulante. La diffida amministrativa è stata inserita di recente nell'ordinamento comunale proprio per permettere, senza multe, un ravvedimento del cittadino in buona fede.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Economia

    CRC, due terzi dei piccoli azionisti dicono sì all'Opa di Credit Agricole

  • Cronaca

    Maxi-furto di frutta secca in un'azienda, ma i carabinieri li attendono al varco

  • Economia

    La vertenza Technogym approda a Palazzo Albornoz: si apre una linea di dialogo

  • Cronaca

    Trasferta in Trentino per rubare uccelli selvatici: terzetto di romagnoli nei guai

I più letti della settimana

  • Il Giro d'Italia passa a Cesena, come cambia la viabilità: le strade interessate

  • Muore a 15 anni per un male incurabile, famiglia e amici straziati dal dolore

  • Chiodi sul percorso della Nove Colli: tra le vittime anche Ivan Basso

  • Chiama a casa: "Ho avuto un incidente". Ritrovato 34enne disperso sulle colline

  • Falsi dentisti, i Nas stanano quattro odontotecnici: sequestrate due strutture sanitarie

  • Schianto tra un'auto e un'Apecar: grave un anziano, portato al Bufalini con l'elicottero

Torna su
CesenaToday è in caricamento