Vaccini, il Comitato per il libero consenso: "Rifiutiamo etichetta no-vax, non esasperare i toni"

"Invitiamo l'amministrazione comunale, che più volte ha declinato le nostre richieste di dialogo, ad incontrarci per discutere dell’applicazione della legge"

Il Comitato che raggruppa oltre 250 famiglie del territorio, interviene nello spinoso dibattito che rigurada le vaccinazioni obbligatorie per legge, a pena di esclusione dei bambini dalla scuola.

"Siamo organizzati - esordisce il comitato - in difesa del diritto universalmente riconosciuto alla libertà di scelta in ambito terapeutico, continuiamo a rigettare con forza le abusate etichette 'no-vax' o 'anti-vax', che indicherebbero chi è contrario a tutti i vaccini per motivi ideologici. Al contrario siamo a favore del metodo scientifico e affrontiamo questa tematica con la massima razionalità". 
"Sintetizzando le parole di Peter Doshi, condirettore del British Medical Journal, l’approccio che tende ad etichettare “no-vax” chiunque abbia domande sulla ragionevolezza delle politiche vaccinali: non è in grado di comprendere la natura delle preoccupazioni,  ammassando tutti i vaccini assieme, ignorandone le differenze, ipersemplifica un problema complesso, attaccando con etichette denigratorie chi semplicemente pone dei dubbi rischia solo di irrigidire le posizioni, dà l’idea di una polarizzazione,“pro o contro”, che mal si addice al campo della medicina e non rispecchia la realtà". 

"Siamo infatti - prosegue il comitato - solamente a chiedere informazioni complete e affidabili ma, anche dalla nostra AUSL, otteniamo solo risposte sbrigative e ci viene spesso rifiutata la richiesta di colloqui. Veniamo invece indirizzati verso siti web con informazioni generiche e approssimative, talvolta errate, che non fanno altro che generare altri dubbi".

"Nell’interesse di tutti, esortiamo gli attori coinvolti in ambito cittadino a non esasperare i toni. Invitiamo Sindaco e Amministrazione Comunale, che più volte ha declinato le nostre richieste di dialogo, ad incontrarci serenamente per discutere dell’applicazione della legge, che sappiamo essere disomogenea e, in certi casi, sbagliata".

"Nessuno chiede di non applicare la legge, - puntualizza il comitato - ma è opportuno scongiurare il ripetersi di errori interpretativi già visti negli scorsi mesi dove, anche sul nostro territorio comunale, ci sono state esclusioni ingiuste a danno di bambini perfettamente in regola che, solo con l’intervento di un legale, sono poi stati riammessi"-

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Bilancio del primo anno di lezioni al campus: prossimo traguardo le sale studio aperte di sera

  • Politica

    Le interviste personali, Lattuca: "Fare una scelta per una Cesena del domani da lasciare ai nostri figli"

  • Sport

    Maltempo previsto nel weekend, slitta la StraCesena: c'è più tempo per iscriversi

  • Cronaca

    In bici sull'Adriatica per raggiungere Ravenna, ma ha l'obbligo di soggiorno: 50enne in manette

I più letti della settimana

  • Una fuga di oltre 100 chilometri. L'edizione 2019 della Nove Colli è di Federico Colone

  • Volo di trenta metri nella scarpata e schianto contro un albero: è grave

  • Boato nella notte, assalto al Bancomat: i malviventi fuggono col bottino di oltre 15mila euro

  • Una bella storia di senso civico: l'avvocato perde cellulare e soldi, un migrante li trova e restituisce tutto

  • Un boato per Giuseppe: la festa per l’ultimo arrivato chiude la 49esima Nove Colli

  • Di generazione in generazione l'osteria compie 80 anni, seppe rialzarsi dopo la guerra

Torna su
CesenaToday è in caricamento