Turismo, ecco il bando per i progetti delle Pro Loco: "Valorizzare il territorio"

I contributi (314mila euro per il 2019) sono previsti per le attività, svolte dal 1 gennaio al 31 dicembre, di valorizzazione e promozione dei prodotti e servizi turistici strategici per il territorio

Insieme per promuovere le eccellenze dell’Emilia-Romagna. Arrivano i contributi per le 296 Pro loco iscritte nel registro regionale che potranno così promuovere i prodotti, il patrimonio e i servizi turistici tipici legati al territorio. La Giunta della Regione Emilia-Romagna ha approvato, con una dotazione di 314mila euro, il bando che sostiene i programmi delle associazioni per l’anno in corso e che dovranno aggregarsi - in numero non inferiore a quattro - per presentare i loro progetti.

"Grazie alla nostra legge del 2016, per la seconda volta finanziamo direttamente le attività delle Pro loco - spiega l’assessore regionale a Turismo e commercio, Andrea Corsini -, nell’ottica di una crescita complessiva dell’offerta turistica locale. In questo modo possiamo premiare e sostenere eventi e iniziative importanti per far vivere e vivacizzare soprattutto i piccoli centri. Si tratta di progetti che nascono dal lavoro comune delle diverse realtà impegnate nellavalorizzazione di quell’unicum costituito dalle bellezze del nostro territorio, dalla sua identità e prodotti di eccellenza".

I fondi

I contributi (314mila euro per il 2019)  sono previsti per le attività, svolte dal 1 gennaio al 31 dicembre, di valorizzazione e promozione dei prodotti e servizi turistici strategici per il territorio e del patrimonio storico, culturale, folkloristico, sociale e ambientale; per progetti di promozione dei prodotti tipici dell’artigianato e dell’enogastronomia locale; per iniziative di valorizzazione sociale, culturale e turistica; per attività ricreative ed educative rivolte a bambini e giovani e finalizzate alla conoscenza del territorio e delle sue tipicità; per progetti di sviluppo della capacità ospitale della comunità attraverso la costruzione di sistemi innovativi di diffusione delle informazioni territoriali.

Il contributo non potrà superare la soglia dell’80% della spesa del progetto e potrà essere presentata per programmi di attività con un budget previsionale tra i 10 mila e i 50 mila euro. I fondi sono previsti dalla legge regionale 5/2016 che detta le “Norme per la promozione e il sostegno delle pro loco”.

Le domande

Le Pro loco, per poter presentare domanda, dovranno aggregarsi in numero non inferiore a 4. La domanda deve essere inviata alla Regione Emilia-Romagna mediante la posta elettronica certificata (pec) della Pro Loco capofila dell’aggregazione, all’indirizzo comtur@postacert.regione.emilia-romagna.it, entro il 20 aprile. 

Potrebbe interessarti

  • 13 utilizzi del bicarbonato di sodio che ancora non conoscete

  • Il "metodo 333" per un guardaroba ordinato e completo di tutto

  • Pesciolini della carta: cosa sono e come liberarsene

  • Aspettare tre ore prima di fare il bagno dopo mangiato: tutta la verità

I più letti della settimana

  • Tragico incidente in via Dismano: quattro morti, tra loro due fratelli minori

  • Dopo la strage di via Dismano un altro dramma stradale: un morto e tre feriti in uno scontro frontale

  • Auto travolge un corridore: è grave. Ferito identificato dopo l'appello sui social

  • E' un'estate di sangue, nuova tragedia: centauro cesenate perde la vita

  • Incidente in un allevamento durante le operazioni pulizia: un morto

  • Salta la fila, urta una bimba e dà del "terrone". Scoppia la lite con ceffone

Torna su
CesenaToday è in caricamento