Trauma center, in arrivo i primi 5 super specializzandi: ma il master è pronto a ripartire

Il Bufalini è stato il primo ospedale in Italia a organizzare un master di II livello in Chirurgia e traumatologia acuta

Trauma center e gestione dei pazienti critici politraumatizzati: Cesena non ha nulla da invidiare ai medici americani che si vedono nei telefilm, ma soprattutto è stato il primo ospedale in Italia a organizzare un master di II livello in Chirurgia e traumatologia acuta. L'anno scorso è partita la prima edizione di "Acute Care Surgery and trauma" e tra breve usciranno i primi cinque super specializzandi, provenienti sia dal sud che dal nord Italia, pronti a riportare nei vari ospedali del Paese l'organizzazione e la gestione del paziente critico imparate in Romagna. 

E tra pochi giorni si riparte con la seconda edizione (l'inagurazione è prevista per giovedì 5 dicembre alle 15.30 nell'Aula Magna del Bufalini) e con altri 5 iscritti pronti a seguire didattica e tirocinio nelle sale del Trauma Center dell'ospedale di Cesena. 
"Siamo molto orgogliosi di essere stati i primi a intuire l'importanza di un master di altissimo livello in questo campo - ha spiegato Pierdomenico Lanzi, direttore della Formazione dell'Ausl Romagna - Quest'anno, dopo averci studiato da vicino, anche il Niguarda di Milano è partito con un corso simile, ma a noi spetta il merito di essere stati i primi ad aver avuto la felice intuizione e, soprattutto, la capacità di tradurre ciò che facciamo da anni, tutti i giorni in sala operatoria, in un corso ben strutturato". 

Il master è organizzato dall'Università di Bologna (Scuola di Medicina e Chirurgia, Dipartimento Scienze Mediche e Chirurgiche), in collaborazione con Ausl Romagna con il patrocinio di Wses (World Society of Emergency Surgery) e la gestione di Ser.In.Ar.
"E' il modello che noi mettiamo in atto al Trauma Center di Cesena a interessare molto ai medici degli altri ospedali - spiega il dottor Vanni Agnoletti, direttore UO Anestesia e Rianimazione - Lavoriamo sull'organizzazione interna, sulla gestione del tempo, delle sale operatorie, sulla collaborazione ormai rodata tra reparti. Sono alcuni meccanismi messi a punti che ci permettono di mettere in pratica quello che in molti casi rimarrebbe solo teoria".

"E questo lo si deve a due medici a cui abbiamo dedicato il master, il dottor Giorgio Gambale e il dottor Orazio Campione - gli fa eco il dottor Luca Ansaloni, direttore UO Chirurgia d'urgenza di Cesena - Tutto è nato dopo la tragedia dello scoppio della bomba alla stazione di Bologna. Il dottor Gambale e il dottor Campione lavoravano a Bologna e da quell'emergenza decisero di creare un sistema e un'organizzazione migliore per fronteggiare casi simili. Nacque l'elisoccorso, il 118. L'Emilia Romagna è stata la prima regione che ha dato vita ai trauma center con una legge del 2002. Gli altri sono arrivati nel 2010. E questo ha un suo peso a livello organizzativo".
In Emilia Romagna, infatti, sono tre i poli dedicati alla gestione dei pazienti con politraumi d'urgenza: uno è Bologna, l'altro è Cesena e l'altro ancora Parma.  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La Romagna, tra l'altro, è molto attiva a livello di formazione. Nelle città romagnole, infatti, si stanno organizzando altre specializzazioni post-laurea in collaborazione con l'Università, tutte rivolte alle professioni sanitarie. Nel 2020 ne partiranno sette (due a Cesena, due a Rimini e 3 tra Forlì, Faenza e Ravenna) nei settori dell'Infermieristica, nella Fisiatrica, nell'Audiologia tra cui quello che  riguarda il "Tecnico di laboratorio" che verrà realizzato proprio a Pievesestina. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Paura in A14, un camion si ribalta sul fianco della carreggiata: perde la vita un cavallo

  • Il 15enne positivo al virus, Spiaggia 23: "I dipendenti tutti negativi, trattati come appestati"

  • Paura in autostrada, il camion Hera prende fuoco: l'autista si rifugia nella corsia d'emergenza

  • Ancora un incidente, scontro frontale all'incrocio: il centauro finisce all'ospedale

  • Rischio temporali tra sabato e domenica, l'allerta meteo della Protezione civile

  • Borghese avvistato in riviera, per il suo programma "4 ristoranti" spunta un locale di Cesenatico

Torna su
CesenaToday è in caricamento