Torna la Stella Michelin, il sindaco: "Crea valore per l'intero sistema turistico"

Il prestigioso riconoscimento, attribuito nei giorni scorsi dalla celebre guida al Ristorante Da Gorini a San Piero in Bagno

Torna la Stella Michelin nel territorio del Comune di Bagno di Romagna: il prestigioso riconoscimento, attribuito nei giorni scorsi dalla celebre guida al Ristorante Da Gorini a San Piero in Bagno, è un’ottima notizia non solo per lo chef Gianluca Gorini e il suo staff, a cui vanno le congratulazioni dell’Amministrazione Comunale, ma per l’intero territorio, che viene valorizzato nel suo complesso.

“La Stella Michelin ha una capacità incredibile di creare valore per l’intero sistema turistico e ricettivo – commentano il Indaco Marco Baccini e l’Assessore al turismo Francesco Ricci. Sul totale della ricchezza generata dai ristoranti segnalati nella guida Michelin nel 2018 (pari a 98 milioni di euro in Emilia Romagna), si stima che solo il 42% è fatturato diretto per i ristoranti, mentre il 58% rappresenta l’indotto distribuito a beneficio del territorio tra servizi, commercio e ospitalità, come stimato da una ricerca commissionata dalla Guida Michelin e condotta dallo studio JFC. Ciò significa che l’intero territorio del Comune di Bagno di Romagna godrà dei benefici della Stella conquistata da Gorini, per questo i nostri complimenti a Gianluca sono ancora più sentiti”.

Da segnalare nella guida Michelin 2020 anche la menzione di altri due locali del nostro territorio: il Ristorante Teverini a Bagno di Romagna (già premiato con la stella Michelin per oltre 30 anni di seguito) e il Ristorante Del Lago, ad Acquapartita. 

“Queste tre eccellenze sono la punta dell’iceberg di una vasta rete di offerta ristorativa di qualità che caratterizza da sempre il nostro territorio, con almeno una cinquantina tra ristoranti, osterie, chioschi molto apprezzati da turisti e residenti – continuano Baccini e  Ricci. - Basti pensare che, durante i week-end d’ottobre, anche grazie alla bontà dei prodotti stagionali e degli eventi in programma, i nostri ristoranti sono stati letteralmente presi d’assalto, con centinaia di persone in lista d’attesa o mandati via per mancanza di posto: un fenomeno che conferma l’importanza dell’eno-gastronomia per lo sviluppo turistico della nostra vallata. Non dimentichiamo infine che Bagno di Romagna è una delle 10 ‘città della gastronomia’, un progetto dell’associazione “Cheftochef” che raggruppa i cuochi emiliano-romagnoli d’eccellenza, di cui fanno parte anche i nostri Gorini e Teverini”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“La professionalità e l’impegno degli operatori ricettivi del nostro territorio, che trovano ragione di esaltarsi grazie alla qualità di una vasta serie di prodotti tipici e di una tradizione enogastronomica identitaria dell’Appenino tosco-romagnolo – commenta Marco Baccini – rappresentano una pregevole promozione del nostro Comune, che può così fregiarsi di avere ambasciatori di ottimo livello”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Addio a Sergio Rossi, anche il 're' del calzaturiero tra le vittime del virus: "Una grande perdita"

  • Da giorni non si avevano sue notizie, anziano trovato morto nell'appartamento

  • Coronavirus, frenata nei contagi nel Cesenate: "solo" 14 in più. Ma c'è un altro decesso

  • Coronavirus, oltre 300 contagiati nel Cesenate. In Emilia Romagna sono più di 12mila

  • Centinaia di imprese chiedono di restare aperte: la prefettura sospende le prime 184 per "attività non essenziale"

  • Sono 740 i positivi in provincia, Cesena piange la sesta vittima del Coronavirus

Torna su
CesenaToday è in caricamento