Bloccata l'invasione dei topi, Lucchi: "Grave danno d'immagine per la città". In arrivo le sanzioni

Il sindaco punta il dito contro i proprietari della piccionaia: "Fenomeno causato dall'incuria umana, c'è stato scarso rispetto del territorio"

Dopo oltre una settimana di riflettori accesi su Cesena, la vicenda dei topi "impazziti" di Capannaguzzo si avvia verso la risoluzione. L'invasione di ratti ha attirato l'attenzione di media nazionali e internazionali, servizi di tg e programmi televisivi. "C'è stato un grande danno d'immagine per la città - afferma il sindaco Paolo Lucchi - al di là della contabilità su quanti ratti sono stati eliminati, mi sono preoccupato e attivato affinché la situazione tornasse alla normalità nel più breve tempo possibile, le strade di Capannaguzzo sono tornate ad essere normali strade di una zona di campagna".

Le 20 trappole con veleno topicida sistemate nella frazione di Gattolino hanno dato i loro frutti. Come sottolineato dall'assessore all'ambiente Francesca Lucchi, sono state raccolte le carcasse di oltre 200 topi, con 2 chili di topicida sparsi al giorno. Negli ultimi giorni le carcasse sono poche decine, segnale che la situazione sta tornando alla normalità. Ora è anche e soprattutto il momento delle responsabilità: "E' stato un fenomeno - sottolinea il sindaco Lucchi - causato dall'incuria umana, e cioè dall'incuria dei proprietari di una piccionaia. Hanno lasciato il mangime incustodito permettendo ai ratti di moltiplicarsi e causando questa situazione che ha creato un grave danno di immagine alla città, oltre che allarme tra i residenti. Un comportamento che ha dimostrato uno scarso rispetto per il territorio. Ci sono stati servizi dei tg nazionali, di giornali stranieri, una vicenda che ha offuscato l'immagine di Cesena. So di albergatori che hanno ricevuto la telefonata di clienti che chiedevano se i topi erano anche dentro gli alberghi".

Il giornale britannico The Guardian ha parlato di "scene da film horror" per i centinaia di ratti impazziti che tanto allarme hanno creato tra i residenti. Ora è anche il momento delle sanzioni, come evidenzia il primo cittadino. "L'amministrazione comunale, quindi tutta la collettività, ha dovuto sostenere dei costi per debellare questo fenomeno, stiamo stabilendo l'intera somma e ci rivarremo sui proprietari dell'allevamento di piccioni. Ma c'è anche il capitolo del danno d'immagine, che la città ha subito e che faremo valere nelle sedi competenti".
 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Tavolo per l'E45, “Far diventare l’emergenza un caso di interesse nazionale”

  • Politica

    Assente di pietra della campagna elettorale, arriva dopo le liti intestine anche la lista ufficiale del M5S

  • Politica

    Elezioni, Lattuca con l'assessore regionale promette la circonvallazione di Calabrina

  • Sport

    Per i Tigers una serata in compagnia prima dei playoff. E un giovane tifoso vince una Ducati Scrambler e-Bike

I più letti della settimana

  • A 14 anni si stacca da Cesena e dalla famiglia, oggi sogna la Nazionale: Bianca e i sacrifici dello sport

  • A sei anni investito da un suv sulle strisce pedonali: tanta paura a San Mauro

  • Velo Ok, posizionate le prime 13 colonnine a Cesena: a breve saranno operative. Ecco dove sono

  • Lotta alla "cimice asiatica", importanti risultati contro l'insetto che minaccia le coltivazioni

  • La panineria gourmet 'gentile con il pianeta' che vuole dare nuova vita alla zona

  • Ladri "professionisti del buco" passano da un locale all'altro come gatti: maxi-bottino

Torna su
CesenaToday è in caricamento