Test anti-droga a consiglieri e assessori regionali: l'Assemblea dice no

La commissione Statuto e Regolamento ha espresso parere negativo sul Progetto di legge presentato da Fabio Filippi (Popolo della libertà), che ha per titolo "Test tossicologico per i consiglieri regionali e i componenti della Giunta della Regione Emilia-Romagna"

La commissione Statuto e Regolamento ha espresso parere negativo sul Progetto di legge presentato da Fabio Filippi (Popolo della libertà), che ha per titolo “Test tossicologico per i consiglieri regionali e i componenti della Giunta della Regione Emilia-Romagna”: voto no dai consiglieri Pd, Sel-verdi, Idv, voto favorevole del Pdl, non partecipazione al voto del Mov5stelle (che giudica incostituzionale questo documento), assenti le altre forze rappresentate in Assemblea legislativa.

Dove, peraltro, il Progetto di legge tornerà in discussione, emendato in alcuni punti, come avrebbero già voluto fare oggi lo stesso Filippi e il relatore del provvedimento, Alberto Vecchi. Nel dibattito sono intervenuti, a più riprese, lo stesso Vecchi (Pdl), Antonio Mumolo (Pd), Fabio Filippi, Monica Donini (Fds), Liana Barbati (Idv), Gian Guido Naldi (Sel-verdi), Roberto Montanari (Pd), Giovanni Favia (Mov5stelle).

In seguito alla discussione avvenuta in una precedente seduta, il 14 dicembre scorso, Vecchi e Filippi hanno presentato 5 emendamenti, finalizzati a sfuggire a ogni rischio di illegittimità e incostituzionalità della norma, correggendo il testo originario in alcuni punti essenziali: veniva tolta l’obbligatorietà del test, rendendolo facoltativo; veniva abrogato il passaggio sull’incompatibilità all’elezione; e venivano abrogati altri effetti, dalla decadenza dalla carica alla non ricandidabilità.

La motivazione del progetto di legge è quella di impegnare consiglieri e assessori a sottoporsi al test tossicologico per favorire la massima trasparenza nei comportamenti di chi assume ruoli di carattere pubblico, postulando “il dovere di operare per il bene comune, compreso il contrasto alla diffusione delle droghe”. Nella relazione di accompagnamento, sta scritto che “chi ricopre cariche pubbliche e fa uso di droghe è fortemente ricattabile, è quindi a rischio la stabilità del sistema”.
 

Potrebbe interessarti

  • Il sapore dell'estate: 5 ristoranti in cui assaporare la cucina di pesce a Cesena

  • Microonde pulito e profumato: 3 ricette naturali

  • Home staging: come vendere casa in fretta, con un piccolo investimento

  • Dimenticati delle occhiaie, con questi consigli di make up

I più letti della settimana

  • Violento scontro con il camion, la coppia salta giù dalla moto prima dell'impatto

  • Il terribile schianto mentre andava al lavoro, spezzata la vita del giovane aiuto cuoco

  • Ennesima sciagura stradale: giovane scooterista perde la vita nello scontro con un furgone

  • Si schianta con la moto contro un albero, perde la vita un 48enne cesenate

  • Investimento mortale sulla linea Adriatica, ripresa la circolazione: 9 treni cancellati

  • Scia di sangue senza fine nel cesenate, arriva la 13esima vittima della strada

Torna su
CesenaToday è in caricamento