Tari, "Il recupero dell'evasione fiscale consentirà a tutti di pagare un po' di meno"

Il vicesindaco Battistini sottolinea anche i risultati raggiunti dall'amministrazione comunale sulla raccolta differenziata

Un'isola ecologica Ecoself in centro storico

Anche nel 2019 i cesenati troveranno una Tari un po' più leggera. La riduzione dei costi del servizio di gestione di rifiuti, ma soprattutto "il recupero dell'evasione fiscale - sottolinea il vicesindaco Carlo Battistini - consentirà a tutti, famiglie e imprese di pagare un po' di meno la tassa sui rifiuti".

L'Ufficio Tributi del Comune è riuscito a recuperare 1 milione e 375mila euro e allargare la platea a 714 utenze prima non dichiarate, una base imponibile che aumenta di 166.409 metri quadrati. "Questo permetterà ovviamente - sottolinea Battistini - aumentando il numero di contribuenti, che la spesa pro capite risulti più bassa". Nel 2019 il costo del servizio per la gestione dei rifiuti urbani ammonta a 15 milioni e 424.874 euro, rispetto ai 15 milioni e 976.054,30 del 2018. 

Ma come si tradurrà concretamente il risparmio? "Ne beneficeranno sia famiglie che imprese - sottolinea il vicesindaco - per le utenze domestiche ci sarà un risparmio che sfiora di media il 6%, per le imprese la riduzione media sarà addirittura tra il 7 e l'8%. Ad esempio un'utenza domestica di 100 metri quadri con 4 componenti familiari, nel 2017 pagava 282,82 euro, nel 2019 pagherà 260,31 euro (-5,67%). Per un'utenza non domestica, ad esempio uno studio professionale di 150 metri quadrati che nel 2017 pagava 621 eiuro, nel 2019 pagherà 556,50 euro, con un risparmio di quasi 70 euro. 

Il vicesindaco Battistini ci tiene anche a evidenziare che "Abbiamo in questi anni aumentato la raccolta differenziata, e ridotto i rifiuti indifferenziati". Battistini elenca un po' di numeri: "Nel 2009 i rifiuti indifferenziati erano 38.396 tonnellate, nel 2017 sono stati 24.363 tonnellate, ben 14mila tonnellate in meno". Importanti anche i numeri dell'indifferenziata "Siamo passati dal 44,11 % del 2009 al 65,5% di raccolta differenziata nel 2018".

Intanto prosegue anche l'esperienza di Ecoself, che vede molto soddisfatti i residenti del centro che si stanno abituando alla novità. Sull'altro binario si cerca una soluzione condivisa con gli esercizi commerciali che hanno esigenze chiaramente diverse. "Oggi incontrerò i venditori ambulanti - afferma l'assesore all'ambiente Francesca Lucchi - poi incontrerò ristoratori e le altre categorie, per poter iniziare la consegna dei materiali. Valuteremo ovviamente le esigenze di tutti ma puntiamo a una standardizzazione del servizio di raccolta. Gli ispettori di Hera hanno fatto un giro porta a porta per capire le esigenze degli esercizi commerciali".
"Per quanto riguarda i privati - prosegue l'assessore Lucchi - i feedback sono più che positivi, la novità è stata metabolizzata".


 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma in stazione: è una 13enne la giovane morta sui binari

  • Tragedia in ospedale: 20enne si lancia nel vuoto e perde la vita

  • Tragedia in campagna, finisce sotto le ruote del trattore: muore un agricoltore

  • Sciagura sui binari, muore una donna. Cancellazioni e treni in ritardo sulla linea Adriatica

  • Una lezione sulla nutrizione con la modella "sosia" di Belen Rodriguez

  • Ladri scatenati nella notte, le telecamere riprendono la 'banda' dei camioncini da lavoro

Torna su
CesenaToday è in caricamento