Suap e servizi agli imprenditori, l'impegno dell'Unione dei Comuni

L'Unione dei Comuni Valle Savio, oltre a gestire in forma associata alcune funzioni amministrative per i Comuni della Valle del Savio, si qualifica come ente di programmazione

L’Unione dei Comuni Valle Savio, oltre a gestire in forma associata alcune funzioni amministrative per i Comuni della Valle del Savio, si qualifica come ente di programmazione per quelle materie trasversali che coinvolgono tutto il territorio e tutte le comunità della nostra Valle.

L’impulso viene dal Sindaco di Bagno di Romagna Marco Baccini, che nell’ambito delle funzioni delegate all’Unione da parte dei Comuni gestisce le deleghe in materia di Servizi Informativi, Statistica e Sviluppo dei Servizi al cittadino ed alle imprese.

“Dopo la fase di costruzione ed avvio della struttura amministrativa dell’Unione dei Comuni della Valle Savio e della messa a regime dei servizi gestititi in Unione, ora è possibile costruire una programmazione territoriale a vantaggio di tutte le realtà dell’Unione, ciò che ci permetterà di valorizzare a pieno le potenzialità dell’ente Unione, senza limitarci alle imposizioni di legge”, spiega Marco Baccini.  

“In particolare – continua Baccini – l’istituzione di vari settori amministrativi nell’ambito dell’Unione dei Comuni Valle del Savio ha infatti consentito di avere una visione generale ed integrata del contesto imprenditoriale di vallata dalla quale trarre spunto, anche in considerazione dell’attuale crisi economica che coinvolge il Paese, per la definizione di azioni politiche positive”.

“Da una parte il SUAP (Sportello Unico Attività Produttive), quale strumento di innovazione e semplificazione amministrativa nei rapporti tra la Pubblica Amministrazione, gli imprenditori e i cittadini  per tutte le pratiche necessarie per lo svolgimento dell’attività di impresa, e dall’altra i Settori SIA Servizi al cittadino e alle imprese, Settore Informatica e Settore Statistica, ci hanno permesso in primo luogo di avere la disponibilità ed incrociare di una serie di dati integrati sulle attuali condizioni demografiche, territoriali, economiche, reddituali e scolastiche della vallata del Savio”.
 
“Al fine di trasformare questi dati da elementi di lettura e analisi a strumenti di programmazione, con il personale degli  Uffici SUAP, Informatica e  Statistica abbiamo costituito un gruppo di lavoro con l'intento di studiare e avviare precise azioni per lo sviluppo imprenditoriale e giovanile dei comuni della vallata”, dichiara il Sindaco di Bagno di Romagna.

Con tale base informativa, ampliata anche grazie alla speciale collaborazione raggiunta con la Camera di commercio di Forlì-Cesena ed Unioncamere Emilia Romagna, il gruppo di lavoro ha potuto delineare un’immagine a 360° dell’Unione Valle del Savio, con un focus specifico sui Comuni dell’area montana Bagno di Romagna, Mercato Saraceno, Sarsina e Verghereto, facendo emergere le peculiarità dei vari territori, le principali linee di tendenza sui vari ambiti, nonché i punti di debolezza e di forza del tessuto imprenditoriale.
“Particolare attenzione è stata data al settore del lavoro, che oggi è quello che maggiormente ha bisogno di politiche di sostegno e incentivanti”, dice Baccini. “Il rapporto tra impresa e comunità costituisce infatti l’aspetto centrale del progetto, il cui obiettivo primario è quello di creare un valore condiviso  per avviare un circolo virtuoso nel quale la crescita delle imprese sia funzionale allo sviluppo economico e sociale della società”.

Il progetto di sviluppo economico del territorio terrà  in considerazione tutti gli aspetti dal turismo alla cultura, al settore agricolo, meccatronico, artigianale e dei servizi in generale in un’ottica di interrelazione che mira a fare sistema territoriale  ove l’elemento di forza è la caratterizzazione del tratto identitario.

Saranno  previsti una serie di incontri  diretti ai giovani sul tema del fare impresa, lavoro e innovazione nel nostro territorio e per la creazione di una rete di dialogo con il tessuto imprenditoriale di orientamento alla formazione professionale specifica. Tali iniziative consentiranno di stringere rapporti di collaborazione  con le istituzioni scolastiche, gli enti di formazione professionale in stretta connessione con il settore delle nuove politiche giovanili.

La definizione di un piano di azione strategica di sviluppo con attenzione ai giovani e alle imprese sarà obiettivo  da attuare nel breve periodo attraverso l’attivazione di strumenti partecipativi con  il coinvolgimento degli attori principali che saranno chiamati a far parte di “tavoli di confronto” al fine di delineare  proposte e soluzioni  condivise per promuovere la crescita  e la competitività territoriale e individuare gli strumenti di intervento locale, nella convinzione che lo sviluppo della vallata potrà avvenire solo unendo le forze e i contribuiti di tutti coloro che la vivono.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia in campagna, finisce sotto le ruote del trattore: muore un agricoltore

  • Rientra a casa e trova il rapinatore col coltello: "Io e te andiamo a prelevare". Lo salva il vigilante

  • Ladri scatenati nella notte, le telecamere riprendono la 'banda' dei camioncini da lavoro

  • Le temperature calano a picco: in arrivo vento e temporali: l'allerta meteo

  • Temporali violenti nella notte, il fulmine sfiora la casa: "Spavento e danni nella mia camera"

  • Camion in fiamme sulla E45, domato l'incendio: strada chiusa in direzione sud

Torna su
CesenaToday è in caricamento