Studio della Cisl, calano i redditi: netta differenza tra dipendenti e pensionati

La Cisl ha presentato uno studio realizzato dal sindacato su un campione di oltre 53mila dichiarazioni dei redditi 2016, effettuate ai Caf Cisl del territorio romagnolo

Calano i redditi dei lavoratori dipendenti (-1,5%)  e dei pensionati (-0,5%) romagnoli rispetto all’anno precedente. La Cisl ha presentato uno studio realizzato dal sindacato su un campione di oltre 53mila dichiarazioni dei redditi 2016, effettuate ai Caf Cisl del territorio romagnolo. Si tratta di dati, specifica Filippo Pieri, segretario generale della Cisl Romagna, che rappresentano solo una media del nostro campione, ma danno delle indicazioni ben precise, e tra queste l’evidenza che la crisi ha eroso un po’ di reddito dei cittadini del nostro territorio. Un’erosione che è maggiore per i redditi più alti e meno incisiva per gli altri, siano essi da pensione che da lavoro dipendente”.

Altra indicazione di rilievo: in provincia di Ravenna i redditi dei lavoratori e dei pensionati sono sostanzialmente simili, con una differenza di 11,30 euro, mentre negli altri territori lo scostamento è più marcato: 1.351 euro per Forlì-Cesena e 1.177 euro per Rimini. Nello specifico di Forli'-Cesena risulta che i lavoratori dipendenti hanno avuto una diminuzione di reddito tra il 2016 e il 2015 di 246,65 euro, mentre i pensionati sono stati sostanzialmente stabili con una decurtazione di 27,77 euro. Nel 2016 la differenza di reddito dei lavoratori dipendenti di Forlì-Cesena con quelli ravvennati è negativa per euro 144,02, mentre sono notevolmente superiori a quelli riminesi per 1.681,14 euro. Sempre per il 2016, per quanto riguarda i pensionati di Forlì-Cesena la forbice si allarga negativamente rispetto a quelli di Ravenna per 1.483,72 euro, mentre è maggiore sui riminesi per 1.362,72 euro.
 

“Incrociando questo dato con quello del Ministero delle Finanze, si riscontra anche come le pensioni dei ravennati siano leggermente più alte degli altri romagnoli Mentre, dall’analisi dei redditi dei lavoratori dipendenti, si nota come Ravenna abbia un importo maggiore rispetto a quelli di Forlì-Cesena di 144,02 euro e di ben 1.681,14 euro su quelli di Rimini. Questi numeri - continua Pieri - dicono chiaramente che Rimini è un territorio con imprese a basso valore aggiunto, caratteristica che in qualche maniera può essere giustificata dal fatto che il settore turistico sia quello trainante: tuttavia non bisogna far finta di non vedere le pericolose ricadute sociali che il perpetuarsi di questa situazione reddituale può generare nel lungo periodo. A ciò si aggiunga che il lavoro irregolare continua ad essere, purtroppo, una piaga ancora aperta con cui ci confrontiamo e che denunciamo da tempo”. La forbice si allarga notevolmente tra i redditi dei pensionati romagnoli: tra il ravennate, che ha il reddito più alto, ed il riminese, che ha quello più basso, c’è un divario di ben 2.846,84 euro con i pensionati di Forlì-Cesena che sono circa a metà. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Una situazione che è figlia dei salari e degli stipendi nonché dei relativi contributi pensionistici versati - sottolinea il segretario della Cisl Romagna - e per questo è indispensabile alzare la qualità delle imprese e del lavoro in Romagna. Perché redditi di lavoro bassi daranno pensioni basse, aprendo un problema di sostegno sociale con costi più alti e rischio di diminuzione dell’intervento pubblico. Un’analisi che non resterà isolata, ma che, insieme ad altri studi  che abbiamo realizzato su varie tematiche economiche e sociali del nostro territorio, costituirà la base su cui la Cisl Romagna nelle prossime settimane chiederà a Istituzioni, imprese e università di aprire un confronto per trovare soluzioni condivise che portino il lavoro e la persona al centro di uno sviluppo sostenibile e duraturo".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cesenatico, dalle spiagge libere alle aree polifunzionali: ecco l'ordinanza balneare anti-Covid

  • Fischietti di San Giovanni e mazzetti di lavanda, sarà una festa sobria ma ci sarà

  • Addio a Tinin Mantegazza, "Cesenatico perde un artista e un creativo incredibile"

  • Coronavirus, un nuovo caso di positività: quelli totali da inizio emergenza sono 783

  • Si torna alla normalità, chiude il reparto Covid del Bufalini: "Esperienza dura e toccante"

  • Covid-19, un nuovo caso a Cesena, in regione il 74% dei malati ha sconfitto il virus

Torna su
CesenaToday è in caricamento