Stroncato un vasto giro di spaccio: i pusher operavano anche a Cesenatico

I pusher vendevano le dosi di eroina a 20 euro al grammo ai tossici "storici" di Rimini. Ma anche a Cesenatico.

È di 12 misure cautelari, 11 in carcere e un obbligo di presentazione, il bilancio dell'operazione antidroga dei carabinieri della Compagnia di Rimini che hanno scardinato una banda di stranieri dedita allo spaccio di eroina. L'inchiesta "Panoramic 2" prende spunto dalla precedente indagine e si è svolta secondo il sistema classico: pedinamenti e monitoraggio del traffico telefonico. Secondo quanto emerso, nella zona della Gaiofana  e in quella di via Coriano erano presenti due gruppi criminali dediti allo spaccio di stupefacenti. Tra gennaio e ottobre del 2017 i militari dell'Arma hanno individuato diverse persone che si portavano nella zona per l'acquisto della droga. Circa 2mila le cessioni ricostruite dai carabinieri che hanno scoperto diversi clienti che, da oltre 3 anni, si rifornivano dai pusher.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Due gruppi separati ma che, secondo le risultanze investigative, si aiutavano a vicenda per non "deludere" la clientela abituale. In particolare, gli spacciatori si erano specializzati nell'eroina e che, oltre alla periferia riminese, si spostavano anche sulla costa cesenate e nel ravennate. A far emergere che si trattava di due bande distinte ma collaborative tra loro è stata, anche, l'analisi delle pagine Facebook dei componenti dai quali è emerso che tutti si conoscevano e si frequentavano anche al di là dei momenti di spaccio. Oltre a questi, operava anche un pusher tunisino che, seppur domiciliato a Rimini, era solito recarsi a Cesenatico per gestire la sua zona di spaccio. Il nordafricano era solito spostarsi con la collaborazione di un tossicodipendente italiano, che gli faceva da taxista in cambio delle dosi, poi deceduto in un incidente stradale. Delle 12 misure, 5 sono stati rintracciati mentre gli altri 5 risultano latitanti probabilmente all'estero. Un sesto, è deceduto in un incidente stradale sulla Romea nel settembre del 2017. Tutti i componenti sono cittadini tunisini, irregolari in Italia, a parte quello morto nel sinistro. In carcere sono finiti un 29enne, un 31enne, un 32enne, un 34enne e un 39enne.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il tragico incidente in bici, è morto dopo due giorni di agonia l'agente di Polizia

  • Tragedia sulla spiaggia di Cesenatico, trovata riversa nell'acqua: muore l'anziana turista

  • Cesenatico, dalle spiagge libere alle aree polifunzionali: ecco l'ordinanza balneare anti-Covid

  • Fischietti di San Giovanni e mazzetti di lavanda, sarà una festa sobria ma ci sarà

  • Addio a Tinin Mantegazza, "Cesenatico perde un artista e un creativo incredibile"

  • Coronavirus, un nuovo caso di positività: quelli totali da inizio emergenza sono 783

Torna su
CesenaToday è in caricamento