La pioggia non ferma le Sentinelle: a 'contrastarle' decine di selfie su Facebook

Parallelamente alla ‘veglia’ delle sentinelle, era stata messa in atto una singolare contromanifestazione dal gruppo Rimbaud Lgbtqie di Cesena

Sono state oltre 200 le Sentinelle che, a Cesena, hanno ‘vegliato’ in piedi sabato pomeriggio in piazza del Popolo. Silenziose e incuranti della pioggia battente, le sentinelle, come si legge in una nota apparsa sulla loro pagina Facebook, hanno “riaffermato per l'ennesima volta il proprio sì alla vita, alla libertà, al matrimonio, alla possibilità di educare i propri figli. Un ringraziamento particolare va a tutte le 250 sentinelle presenti sabato pomeriggio. Oggi erano presenti tanti giovani, tante famiglie al completo”.

“Non ci ha nemmeno abbandonato la pioggia. Nessuno di noi si è scomposto per la pioggia e per il freddo. Segno della solidità delle nostre coscienze. In questo nostro saluto ricordiamo con affetto le forze dell'ordine presenti in piazza del popolo oggi pomeriggio. Con la loro professionalità e sensibilità hanno confermato che ancora esiste uno Stato che ha a cuore i propri cittadini” dicono le sentinelle.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

SELFIE “A GO GO” - Parallelamente alla ‘veglia’ delle sentinelle, era stata messa in atto una singolare contromanifestazione dal gruppo Rimbaud Lgbtqie di Cesena. “Stanno in piedi - dicono - formano un plotone, leggono in silenzio. Sostengono che lo fanno per difendere la libertà di spargere l’odio omofobico, di dirci malati e cattivi genitori, di accusarci di voler distruggere la società. La loro protesta appare civile, ma il rifiuto di qualsiasi dialogo, la sorda chiusura modello falange macedone e il nome stesso "sentinelle" denunciano una violenza spirituale senza confini: la violenza di chi non ti riconosce, di chi contrasta i tuoi diritti senza nemmeno parlarti, all'insegna del "odia il prossimo tuo". E allora, selfie a volontà: “Abbiamo invitato tutti a passare la giornata con la vostra famiglia, postando su Facebook (con l'hashtag #modlet, per i non romagnoli “ma ancora?”) una foto”. Decine e decine i selfie postati sulla loro pagina Facebook: per rivendicare la libertà di amare.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La tragedia sullo scooter, riconosciute le salme di Donato e Asia: si cerca un testimone oculare

  • Drammatico scontro tra uno scooter e un camion, perdono la vita padre e figlia

  • La tragedia sullo scooter, l'amore per la figlia e la passione per il Maggiolino: "Donato era solare e allegro"

  • Violento scontro all'incrocio tra auto e moto, il motociclista è in Rianimazione

  • Il 15enne positivo al virus, l'ansia serpeggia in città: partita la prima tranche di tamponi

  • La media migliore sfiora il 9,7: ecco l'elenco completo degli studenti più bravi del liceo classico Monti

Torna su
CesenaToday è in caricamento