Scambio di documenti di identità per entrare in discoteca, episodi anche a Cesena

"Giro" e scambio di documenti d'identità o utilizzo di copie perfette per entrare in discoteca anche senza aver compiuto 16 anni

"Giro" e scambio di documenti d'identità o utilizzo di copie perfette per entrare in discoteca anche senza aver compiuto 16 anni. Questo modo un po' "allegro" di bypassare i controlli all'ingresso, già noto in altre parti d'Italia, sembra non essere sconosciuto nemmeno tra i giovanissimi cesenati. Del resto si sa che volere è potere, e l'ingegno che i ragazzini in questione impiegano nel trovare il modo di ottenere l'ingresso talvolta supera di gran lunga l'impegno che solitamente mettono nelle faccende quotidiane. Comunque sia la questione, che, come detto, in altre zone del Paese ha portato anche alla creazione di vere e proprie stamperie abusive, dovrebbe mettere in allarme i genitori di tutti i ragazzini e ragazzine che hanno tra i 14 e i 15 anni e chiedono di andare in discoteca. In discoteca, negli orari serali, (a meno che non ci siano permessi speciali o serate speciali) non si può accedere se non si è compiuto i 16 anni. In alcune anche i 18.  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Da quello che sembra a quanto pare è un modus operandi abbastanza in uso anche a Cesena. Quello che pare strano è che i controlli all'ingresso non riescano a individuare i documenti "prestati" visto che spesso le foto sono evidentemente diverse dalle persone che si trovano davanti. Tra l'altro esiste anche un problema di identità: se dovesse accadere qualcosa a un ragazzino con un documento non suo diventa difficile anche per il genitore del ragazzo più grande che ha prestato il documento spiegare com'è finito nella tasca di un amico. Insomma non è per fare la solita morale, perché qualche sciocchezza da giovani l'abbiamo fatta tutti, ma il messaggio che passa sotto gli occhi di tutti (ragazzi, genitori e chi è addetto al controllo delle discoteche) è che "fregare" o "falsificare" sia assolutamente normale e soprattutto semplice. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La tragedia sullo scooter, riconosciute le salme di Donato e Asia: si cerca un testimone oculare

  • Il 15enne positivo al virus, l'ansia serpeggia in città: partita la prima tranche di tamponi

  • Il 15enne positivo al virus, Spiaggia 23: "I dipendenti tutti negativi, trattati come appestati"

  • Grandine come piccole pesche, l'azienda agricola conta i danni: "Dopo 3 mesi chiusi non ci voleva"

  • Scongiurato il 'focolaio' a Cesena, il nuovo caso non collegato al 15enne: è uno straniero del Cas

  • Paura in autostrada, il camion Hera prende fuoco: l'autista si rifugia nella corsia d'emergenza

Torna su
CesenaToday è in caricamento