Violenta rissa in stazione, arriva la Municipale: due persone all'ospedale

Ad affrontarsi, per fortuna solo a mani nude, due habituè della stazione, entrambi sono finiti al pronto soccorso per ricorrere alle cure dei sanitari

Foto Dalmo

Una violenta lite è scoppiata nel tardo pomeriggio di lunedì nell'area della stazione ferroviaria di Cesena. Non sono ancora chiare le cause che hanno acceso la miccia che ha fatto scoppiare il litigio piuttosto acceso tra due persone che bazzicano la zona. Un'area che presenta, come è noto delle criticità, diventando una meta abituale per persone che bivaccano nella zona circostante la stazione stessa. Ad affrontarsi, per fortuna solo a mani nude, due habituè della stazione, entrambi sono finiti al pronto soccorso per ricorrere alle cure dei sanitari.

La rissa è stata sedata dagli agenti della Polizia municipale, intervenuta al pari dei sanitari del 118, arrivati con due ambulanze e un'auto medicalizzata. Gli uomini della Polizia Locale erano già sul posto, grazie al presidio rafforzato, sia nelle ore pomeridiane che notturne, proprio nei pressi della stazione. Questo ha permesso un intervento praticamente immediato per dividere i due litiganti, finiti in ospedale ma senza particolari lesioni. Un episodio accaduto comunque non a tarda notte, ma intorno alle 17:30-18 del pomeriggio, a conferma che quella della stazione resta una zona a rischio degrado.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, la decisione in Emilia-Romagna: asili nido, scuole e università chiuse fino al 1°marzo

  • Coronavirus, sale il numero di positivi: nessun caso in Romagna, 19 in Emilia

  • Tragico epilogo nelle ricerche, trovato morto l'anziano scomparso a Pievesestina

  • Psicosi da Coronavirus, supermercati presi d'assalto e file chilometriche alle casse

  • Coronavirus, il presidente Bonaccini: "Stiamo valutando la chiusura di asili nido, scuole, impianti sportivi e musei"

  • Tragedia al Bufalini, neonata morta: fissata l'autopsia per fare luce sul caso

Torna su
CesenaToday è in caricamento