Rilancio dell'Ex Zuccherificio, il Comune: "Negozi gratis per ripopolarli"

Tre i filoni individuati dall'amministrazione. In prima battuta si punterà alla rivitalizzazione degli spazi. In Corte Zavattini circa la metà dei locali commerciali è vuoto (8 su 15) e questo favorisce il senso di abbandono

Un piano straordinario d’azione per rivitalizzare Corte Zavattini, sicuramente il punto più critico del comparto Ex Zuccherificio, di cui rappresenta il cuore. Ad approvarlo, nei giorni scorsi, la Giunta comunale con l’intento di ridare centralità a quest’area favorendo il superamento dei fattori negativi che nel corso del tempo hanno determinato vari problemi di vivibilità e fruibilità.

“La Giunta ha messo a punto - spiega il sindaco Paolo Lucchi - una serie di interventi molto concreti e di rapida attuazione, operando soprattutto su due leve: da un lato la rivitalizzazione di Corte Zavattini, puntando sul rafforzamento del presidio sociale nel quartiere; dall’altro sulla volontà di attrarre nuove funzioni e nuovi utenti, in modo da irrobustire il tessuto sociale ed economico-produttivo al suo interno. Insomma, puntiamo a restituire a questo spazio il ruolo di punto di incontro, dove vivere, lavorare, svagarsi, senza timore e senza disagi. Le difficoltà di qualunque luogo urbano si possono superare soprattutto puntando sulla capacità di farvi incontrare e vivere le persone e noi puntiamo a riuscirci nel giro di pochi mesi”.

Tre i filoni individuati dall’amministrazione. In prima battuta si punterà alla rivitalizzazione degli spazi. In Corte Zavattini circa la metà dei locali commerciali è vuoto (8 su 15) e questo favorisce il senso di abbandono: l’idea della Giunta è di promuovere la loro occupazione. Per farlo, proporrà ai proprietari di sottoscrivere un accordo per la cessione in comodato d’uso degli immobili sfitti per almeno due anni, in  cambio della riduzione della tassazione locale. Questi spazi verranno poi messi a disposizione gratuitamente di  giovani imprenditori che abbiano intenzione di aprire nuove attività e di associazioni di Promozione Sociale o di Volontariato (con una particolare attenzione per chi opera con bambini, ragazzi e famiglie). Sia i giovani imprenditori sia le associazioni verranno individuati con un bando pubblico. Il Comune, oltre alla gratuità degli spazi, garantirà anche un contributo economico una tantum per l’avviamento dell’attività.

Contestualmente si interverrà per riqualificare le aree pubbliche circostanti Nell’area esterna della corte saranno collocati  giochi ed attrezzature per l’infanzia, utili ad assicurare un utilizzo diffuso degli spazi ed a costituire un supporto stabile per l’organizzazione di eventi di animazione, ricreazione e feste di quartiere. Per assicurare continuità, verrà predisposto un programma annuale di eventi, messo a punto in collaborazione fra Comune e Coop Alleanza 3.0 e coordinato con il piano delle attività culturali comunali.

Infine, ma non meno importante, si promuoverà un presidio più intenso della corte e della zona circostante. Per farlo si pensa di rafforzare i servizi di controllo della Polizia Municipale e gli interventi di pulizia e di spazzamento di Hera, di migliorare la fruibilità del parcheggio Machiavelli, ma anche di coinvolgere direttamente i cittadini residenti attraverso progetti di impegno civico, nell’ambito di “Attiviamoci per Cesena”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lutto nel mondo dell'imprenditoria romagnola: si è spento il re degli arredamenti, Mario Gardini

  • Cerca l'incontro consensuale, ma trova all'improvviso la pretesa di soldi per sesso: denunciato estorsore

  • Sospetta overdose, un 41enne trovato senza vita in un casolare di campagna

  • Violento scontro tra l'utilitaria e il camion, una ferita grave sull'E45

  • Passato di mamma in figlia, il negozio chiude dopo 59 anni: "Mi dispiace per le mie clienti"

  • Dall'Olanda a Cesena per amore, dopo il bar in centro tenta il bis con il figlio

Torna su
CesenaToday è in caricamento