Da Gambettola alle aree terremotate del Centro: già a destinazione le donazioni dei cittadini

Per il trasporto della grande quantità di beni raccolti (circa 30 quintali) è stato impiegato un autotreno messo a disposizione dalla Ditta Capeti, condotto dal titolare Carlo

È già giunto a destinazione il materiale (beni alimentari, giochi e beni di prima necessità) raccolto dal gruppo comunale di Protezione civile di Gambettola per i terremotati del centro Italia, a seguito del sisma del 24 agosto scorso. Venerdì scorso infatti una delegazione gambettolese rappresentata dal responsabile del gruppo di protezione civile, Francesco Biondi, dal volontario Ivo Bartolini e dalla consigliera comunale Ramona Baiardi e da Gianluca Galbucci si è recata nel Comune di Sant’Angelo in Pontano, Provincia di Macerata,  nel centro di raccolta predisposto neii locali della Collegiata, per consegnare i beni di prima necessità che la comunità gambettolese ha donato alle popolazioni colpite terremoto. Per il trasporto della grande quantità di beni raccolti (circa 30 quintali) è stato impiegato un autotreno messo a disposizione dalla Ditta Capeti, condotto dal titolare Carlo. Ad attenderli il sindaco di Sant’Angelo, Agostino Cavasassi, che nei giorni precedenti si era sentito con il sindaco Roberto Sanulli, sia per conoscere la situazione che si è determinata in seguito al sisma in quella zona, che per definire tutti gli aspetti del conferimento, andato a buon fine.

“Con la consegna di venerdì scorso si è conclusa la prima fase di aiuti da parte della comunità gambettolese alle popolazioni colpite dal sisma - commenta il sindaco Sanulli - la nostra comunità ha dimostrato di avere un gran cuore e di saper rispondere, ancora una volta, nel momento del bisogno, senza remore e dando prova di solidarietà. Basti pensare che nel primo giorno di raccolta i nostri ragazzi del gruppo di protezione civile sono riusciti a raccogliere quasi tutto il materiale che poi abbiamo portato a destinazione. La risposta è stata grande e lo dobbiamo soprattutto alla generosità dei gambettolesi e all'impegno del nostro gruppo di protezione civile che in pochissimo tempo si è attivato e ha realizzato questa importante campagna di raccolta beni. Scegliendo inoltre di essere presenti sul posto nel momento della consegna e quindi intraprendendo un viaggio per andare a testimoniare direttamente la vicinanza di Gambettola a quei territori, a Sant'Angelo in particolare. Per questo li ringrazio a nome dell'Amministrazione e a nome di tutta la cittadinanza. Il primo cittadino di Sant'Angelo tra l'altro, colpito e commosso dalla nostra tempestiva generosità, ha promesso che verrà personalmente a Gambettola per portare il saluto di tutta Sant’Angelo”.

“Ci tengo a ricordare - conclude il sindaco - che l’impegno di Gambettola non si ferma qui. È in corso da un po' di giorni anche la raccolta fondi organizzata da Gambettola Città della Solidarietà a cui possono contribuire ancora tutti i cittadini: si può versare il proprio contributo sul conto corrente (IT 28 A 07070 678110 33000520 000) attraverso un bonifico o recandosi allo sportello del Credito Cooperativo Romagnolo di viale Carducci indicando come causale: terremoto Centro Italia che poi sarà devoluto alle popolazioni colpite dal terremoto. Il prossimo appuntamento sarà infatti il pranzo della solidarietà organizzato dal tavolo della solidarietà  il prossimo 2 ottobre alla baita del parco Fellini in via Soprarigossa a Gambettola”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Impressionante salto di carreggiata per un Tir in autostrada: brividi, feriti e code in A14

  • Tragedia sfiorata in A14, scoppia il pneumatico del Tir: miracolato il camionista

  • Porta un "Oktoberfest" a Cesena, dopo tanta 'cultura' in giro per l'Europa apre la birreria

  • Superenalotto, la fortuna continua a baciare Savignano. Sfiorato il colpo milionario

  • Per chi culla il sogno di comprare casa, la banca apre le porte col "Mutuo Day"

  • Cinque benefici delle piante grasse che non conoscevi

Torna su
CesenaToday è in caricamento