A Cesena le "scuole del sole". E il Carducci si fa sempre più green

“Il nostro obiettivo - rimarcano il sindaco Paolo Lucchi e l’assessore Francesca Lucchi – è di avere edifici scolastici sempre più green e, non a caso, uno dei più importanti filoni di intervento di Energie per la città è proprio questo, come dimostrano i dati"

Il complesso scolastico Carducci è sempre più green ed efficiente da un punto di vista energetico. Nell’edificio è stato recentemente installato un nuovo impianto fotovoltaico che permetterà alla struttura di essere sempre più efficiente e indipendente dal punto di vista energetico. Sulla stessa linea di azione, nella scuola sono stati eseguiti anche altri lavori tra cui l’installazione di un generatore a condensazione e di un impianto solare termico, oltre all’inserimento della scuola nell’Energy Diary. Tutti gli interventi sono stati realizzati da Energie per la Città Spa - la società comunale che si occupa di Energy management, facility management, servizi energetici e valorizzazione delle fonti energetiche rinnovabili - con incentivi regionali e statali.

Impianto fotovoltaico

L’impianto fotovoltaico installato sul tetto del plesso scolastico ha una potenza di picco di 19,50 kWp ed è stato installato sullo stesso piano della copertura esistente dell’edificio, garantendo una integrazione parziale. La produzione annuale stimata è di circa 21.500 kWh e garantisce la copertura di circa il 25% del fabbisogno di energia elettrica dell’edificio. L’impianto genererà un importante beneficio a livello ambientale, evitando la produzione di 7.890 Kg di CO2 pari a 4.02 tonnellate di petrolio.

L’intervento rientra nel progetto comunale “Scuole del sole” affidato ad Energie per la città, che ad oggi ha già dotato 42 scuole di energia elettrica pulita e rinnovabile grazie alla realizzazione di impianti fotovoltaici attraverso un percorso articolato nelle fasi di programmazione, progettazione, realizzazione, monitoraggio e divulgazione. In particolare, prima di procedere all’installazione di questi impianti, vengono valutati criteri fissi come lo spazio disponibile sul tetto, l’orientamento dell’edificio ed eventuali ombreggiamenti.

Gli impianti, per una potenza complessiva totale di circa 882 kWp, producono mediamente 1.000.000 kWh/annui, la stessa quantità di energia consumata da circa 370 famiglie. Il progetto nasce con l’obiettivo di coprire gran parte degli usi di energia elettrica degli edifici scolastici, ridurre le emissioni di anidride carbonica e sensibilizzare gli studenti ed i genitori sui delicati temi della tutela ambientale.

Altri lavori

Nello stesso plesso scolastico, sono stati eseguiti altri lavori di efficientamento energetico tra cui l’installazione di un generatore a condensazione e di un impianto solare termico, oltre all’inserimento della scuola nell’Energy Diary. Nel dettaglio, il generatore di calore già esistente nella scuola, è stato sostituito con un generatore a condensazione, sono state inoltre installate valvole termostatiche nei termosifoni per consentire una migliore distribuzione e regolazione del calore nelle varie zone dell’edificio. L’intera struttura è collegata a “caldaie in rete”, il sistema di termoregolazione e telecontrollo gestito dalla centrale operativa di Energie per la Città Spa. Sulla copertura della zona mensa è stato installato un impianto solare termico costituito da tre pannelli, che consente di produrre una parte di acqua calda sanitaria tramite l’utilizzo di energia da fonte rinnovabile  e pulita. La scuola è stata inoltre inserita nell’Energy Diary, una piattaforma informatica per la gestione condivisa di energia negli edifici pubblici.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Scuole sempre più green

“Il nostro obiettivo - rimarcano il sindaco Paolo Lucchi e l’assessore Francesca Lucchi – è di avere edifici scolastici sempre più green e, non a caso, uno dei più importanti filoni di intervento di Energie per la città è proprio questo, come dimostrano i dati. Fino ad oggi, infatti, Energie per la città ha realizzato nelle scuole cesenati 12 impianti solari termici per la produzione di acqua sanitaria e sostituito 42 caldaie con nuove caldaie a condensazione più efficienti. Per ogni intervento, la fattibilità tecnico-economica è stata valutata in modo da massimizzare i risparmi energetici e i correlati risparmi economici. Inoltre, sono state installate 91 caldaie telecontrollate dalla postazione operativa presidiata da un tecnico di Energie per la Città Spa che controlla tutti i parametri tecnici. Tutti i sistemi sono dotati anche di un accesso remoto da altre postazioni come tablet e smartphone. L’intenzione  è applicare gradualmente gli stessi interventi di efficientamento energetico a tutte le scuole cesenati”. Nel 2016 la produzione di energia elettrica rinnovabile fotovoltaica ha coperto il 32% del consumo complessivo dell’ente, in linea con il Pacchetto Clima europeo 20-20-20 che prevede, entro il 2020, di ridurre le emissioni di gas serra del 20%, alzare al 20% la quota di energia prodotta da fonti rinnovabili e portare al 20% il risparmio energetico.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tenda nel parcheggio del Bufalini, Cesena tra le prime città a sperimentare i tamponi "drive-through"

  • Fermato dalla Polizia, la scusa è incredibile: "Sto andando a curare un amico ferito da uno squalo"

  • Cesena, Gambettola e Mercato Saraceno: un bollettino nero con altri decessi

  • San Cristoforo piange l'ultima vittima del Coronavirus: "Era socievole e attivo nel volontariato"

  • Coronavirus, 199 i malati: 4 in Rianimazione. La mappa del contagio nei comuni nel cesenate

  • Cresce il 'focolaio' nella casa di riposo, 15 contagiati. "Guarito un agente della Polizia Locale"

Torna su
CesenaToday è in caricamento