Anche la Camac di Pievesestina si cardio-protegge con un defibrillatore

Il defibrillatore, è stato consegnato la scorsa settimana da parte di Susanna Schiavone, responsabile del progetto, al presidente Davide Pieraccini e al rappresentante dei lavoratori, Donato Notarpietro

Camac di Pievesestina di Cesena, azienda nata nel 1980 come industria di moda cresciuta costantemente seguendo un percorso di specializzazione e diversificazione non solo in Italia ma anche  all’estero con un svariato numero di 10 sedi e  impiegando  circa 400 persone tra interni e partner, ha cardio protetto la sua sede di Pievesestina, aderendo al progetto del Centro Polifunzionale Medoc “Romagna Cardio Protetta”, installando un defibrillatore semi-automatico (Dae) e partecipando ai Corsi Blsd (corsi di abilitazione all’utilizzo dello strumento). Il defibrillatore, è stato consegnato la scorsa settimana da parte di Susanna Schiavone, responsabile del progetto, al presidente Davide Pieraccini e al rappresentante dei lavoratori, Donato Notarpietro.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La notte trasgressiva a tre col transessuale finisce a sassate: nei guai coppia di fidanzati

  • Operazione incredibile al "Bufalini": musicista operato al cervello mentre suona il pianoforte

  • Savio in piena, frane in collina ed allagamenti in riviera: il maltempo fa paura

  • Nella disco scoppia la rissa, il locale stoppa la serata: "Coinvolte anche due ragazze"

  • Divora con tranquillità 385 cappelletti e batte il record: "Il segreto? Un giro in bici"

  • Migliora la situazione maltempo, a Cesenatico rotte due dune per contenere la furia del mare

Torna su
CesenaToday è in caricamento