Rocca Malatestiana, il 31 maggio termina l'avventura di Aidoru: "Futuro incerto"

"Per un progetto ambizioso è necessaria anche la totale partecipazione e disponibilità del Comune di Cesena", viene evidenziato dall'associazione Aidoru

Il 31 maggio terminerà l’avventura, intrapresa oramai cinque anni fa, da Aidoru Associazione, in qualità di capofila dell'Ats Rocca Malatestiana Cesena Bene Comune, che ha coinvolto numerose associazioni e organizzazioni di varia natura del territorio locale e nazionale, in un progetto di valorizzazione turistica, culturale, didattica e sociale all'interno degli spazi della Rocca. "L'ipotetico termine - spiega l'associazione Aidoru - è stato reso noto non a seguito di una comunicazione formale da parte dell'amministrazione comunale, che doveva essere necessaria, tenuto conto che già da diversi mesi Aidoru ha protocollato la domanda di rinnovo della convenzione in essere".

E' previsto un nuovo bando di gestione e che questa sarà in partenza al primo giugno. Aidoru annuncia che sarà scelta "la stessa forma di informazione e ci rivolgiamo alla cittadinanza in maniera ufficiale e diretta per arrivare a giovani famiglie e anziani che, magari, non hanno potuto partecipare alla sterile discussione che si è sviluppata negli ambienti comunali e sui social network in assenza totale di conoscenza di dati e disposizioni con le quali, il bando del Comune di Cesena, regolava la gestione a termine".

Per quanto riguarda la gestione temporale e le attività svolte Aidoru puntualizza che "il monte ore di apertura media della struttura, imposta dal bando assegnato, era di 21 ore settimanali; l'Associazione ha rispettato un orario di apertura di oltre 50 ore in media stagione e oltre le 60 in alta stagione. La gestione ha portato ad una maggiore fruizione e rivalorizzazione di ogni singolo spazio della fortezza attraverso eventi e attività di natura turistica, sociale, sportiva, ricreativa, storico-didattica e culturale rivolti a cittadini e visitatori; la valorizzazione e promozione dei prodotti enogastronomici artigianali del territorio cesenate e regionale in genere. 
Nei primi cinque anni di gestione si è riscontrato un boom di partecipazione a ogni singola iniziativa e conseguente esplosione dell’appeal del sito turistico e di conseguenza della città di Cesena agli occhi del turista nazionale e internazionale".

"Siamo consapevoli che la gestione può essere migliorata e che ciò, però sia possibile solo attraverso un periodo di continuità progettuale fatta di studi e ricerche storico-didattiche e di attività continuative a livello artistico e culturale - viene evidenziato -. Che possa così nel lungo periodo recepire le richieste della cittadinanza e di tutti gli avventori del sito che intendono percorrere il "percorso Malatestiano" di Cesena. Per un progetto ambizioso è necessaria anche la totale partecipazione e disponibilità del Comune di Cesena (questa a volte è venuta a mancare), che renda più accogliente e accessibile il parco della Rimembranza e la Rocca Malatestiana a tutti. L'attesa della risposta e, soprattutto, delle motivazioni sul presunto mancato rinnovo della gestione attuale crea non pochi problemi di gestione e/o fine gestione; basti pensare che necessariamente nel mese di settembre, di ogni anno, i nostri uffici iniziano a programmare e progettare le attività per l'anno successivo, soprattutto del periodo di alta stagione. Debbono essere raccolte e vagliate le proposte dei soggetti interessati a svolgere eventi, le richieste di disponibilità degli spazi per importanti rassegne e iniziative, si mettono a calendario le presenze turistiche di gruppi organizzati provenienti da tutto il mondo".

"Già da mesi abbiamo depositato la nostra richiesta ufficiale di rinnovo della convenzione, corredata da un ambizioso e necessario progetto di ampliamento degli orari di apertura e di ulteriore sviluppo delle potenzialità della Rocca Malatestiana, in sinergia con la gestione della Grande Biblioteca Malatestiana - viene evidenziato -. Ovviamente crediamo sarebbe stato più saggio, coerente e trasparente evidenziare in maniera ufficiale e condivisa una strategia di risoluzione di eventuali criticità e la messa a regime di eventuali progetti futuri con un più congruo anticipo, tenendo presente che l'Associazione è riuscita a dare lavoro a 9 ragazzi (3 dei quali a tempo pieno e indeterminato a seguito delle agevolazioni promosse dal Jobs Act), che si trovano già in balia dell’incertezza a causa della scarsa risolutezza dell’Amministrazione pubblica. Se l'amministrazione deciderà di effettuare un nuovo bando di concorso per la gestione della Rocca, chiediamo che all'interno della convenzione sia inserito, nel caso i lavoratori acconsentano, il principio di mantenimento del posto di lavoro per i dipendenti che oggi lavorano per Aidoru".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Una passione grande per il Cesena, Savignano piange il suo barista: "Un tifoso vero"

  • Cerca l'incontro consensuale, ma trova all'improvviso la pretesa di soldi per sesso: denunciato estorsore

  • Sospetta overdose, un 41enne trovato senza vita in un casolare di campagna

  • Violento scontro tra l'utilitaria e il camion, una ferita grave sull'E45

  • Autoerotismo in giro per la città: 15enne nei guai, diverse donne spaventate

  • Schianto tra due auto in galleria nel cantiere in E45: un ferito grave

Torna su
CesenaToday è in caricamento