Da obsoleti e insicuri a moderni: parte da Cesena l'innovazione per ristrutturare i palazzi

Praticamente si tratta di un nuovo modo di concepire la ristrutturazione di un edificio residenziale importante con almeno 5 piani

Da Cesena parte un progetto che potrebbe essere replicato in tutta Europa per recuperare gli edifici degli anni 70, a più piani, rendendoli energicamente a basso consumo, antisismici e ampliandone le cubature. Detto così sembra un miracolo. E un po' lo è perché potrebbe essere la soluzione all'enormità di abitazioni che stanno diventando obsolete e insicure realizzata all'insegna della green economy. Praticamente si tratta di un nuovo modo di concepire la ristrutturazione di un edificio residenziale importante con almeno 5 piani; un'ingabbiatura (esteticamente accettabile) realizzata in acciaio zincato o in alluminio strutturato capace di aumentare gli spazi interni. Il nuovo involucro all'edificio, strutturato con perni antisismici, verrà costruito con materiali che renderanno l'edificio a basso consumo energetico. 

L'idea è dell'azienda cesenate Bloomfield, start up con 16 dipendenti e un fatturato di 2 milioni di euro, tra i principali partner di ProGETone, progetto europeo di riqualificazione energetica finanziato dalla Unione Europea che ha come capofila il dipartimento di Architettura dell'Università di Bologna. Il progetto è stato finanziato all'interno del programma Ue "Horizon 2020" con un finanziamento di 3 milioni e 800 mila euro quando il costo complessivo dell'opera si aggira intorno ai 5 milioni di euro. Il progetto a cui partecipano 15 partner (Italia - in particolare due aziende romagnole: Bloomfield e Aliva di Ivas - Germania, Olanda, Belgio Spagna, Romania, Svizzera e Grecia) ha come obiettivo, nell'arco di 4 anni, la riqualificazione di un edificio di residenza popolare che si trova nel quartiere Peristeri di Atene. 

"Siamo orgogliosi per il risultato raggiunto dalle nostre piccole imprese - ha spiegato Eugenio Battistini di Confartigianato - sono riuscite in uno scenario di crisi, che ormai si protrae da molti anni, a portare una ventata di innovazione imponendosi a livello europeo. Possiamo dire solo: avanti tutta". Per meglio presentare l'idea progettuale decisamente innovativa per l'edilizia europea Bloomfield ha organizzato un convegno nella sede di Cesena, in via Fossalta 3055 a Pievesestina, per la mattina di venerdì 9 giugno a partire dalle 9.45. All'iniziativa saranno presenti, oltre a deputato Marco Di Maio, il consigliere regionale democratico Lia Montalti, il vicesindaco Carlo Battistini, la professoressa Annarita Ferrante dell'Università di Bologna e al parlamentare europeo Damiano Zoffoli, anche Alex Raffoni, presidente di Bloomfield, Ruggiero De Giorgio di Aliva (Ivas), e Marco Corradi, presidente Acer Emilia Romagna (molto interessati per adottare il nuovo sistema progettuale anche negli edifici Acer). 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Impressionante salto di carreggiata per un Tir in autostrada: brividi, feriti e code in A14

  • Tragedia sfiorata in A14, scoppia il pneumatico del Tir: miracolato il camionista

  • "Andiamo a mangiare qualcosa", ma la porta al mercato: la dinamica del tentato stupro

  • Per chi culla il sogno di comprare casa, la banca apre le porte col "Mutuo Day"

  • Il maestro gelatiere Roberto Leoni ai "Soliti Ignoti": "Mi sono divertito a fare il pataca romagnolo"

  • Ubriaco al volante va prendere il figlio a scuola, denuncia e ritiro della patente

Torna su
CesenaToday è in caricamento