Omicidio Olga Matei, la Cassazione annulla lo sconto di pena per "tempesta emotiva"

L'efferato delitto è stato commesso  6 ottobre 2016 quando l'uomo, residente a Cesena, aveva raggiunto la 46enne nel suo appartamento di viale Dante a Riccione

No alle attenuanti generiche per Michele Castaldo, per l'omicidio di Olga Matei, strangolata a Riccione nel 2016. La Cassazione ha accolto il ricorso della procura generale di Bologna e annullato la sentenza della Corte d'assise d'appello che aveva quasi dimezzato la condanna, da 30 a 16 anni, valorizzando la perizia psichiatrica sull'imputato, che aveva rilevato una 'soverchiante tempesta emotiva' causata dal vissuto dell'uomo.

L'efferato delitto è stato commesso  6 ottobre 2016 quando l'uomo, residente a Cesena, aveva raggiunto la 46enne nel suo appartamento di viale Dante a Riccione. I due avevano litigato furiosamente, a causa della folle gelosia del 55enne, e al culmine della discussione Castaldo aveva afferrato la moldava al collo strangolandola a morte. Dopo il delitto, l'uomo era tornato a Cesena, dove risiedeva, per mettere in atto un maldestro tentativo di suicidio ingerendo 10 bustine di Aulin e una bottiglia di vino. Individuato con un'operazione congiunta dei carabinieri di Riccione e Cesena, il 55enne era stato subito arrestato con l'accusa di omicidio. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sciagura di San Valentino: giovane si toglie la vita lanciandosi contro un treno

  • Il papà accanto alla salma: "Mattia tra poco si va a casa". In consiglio comunale un minuto di silenzio

  • Studente modello del Monti, era appena uscito da scuola: i contorni del dramma in stazione

  • Suicidio al liceo, troppa pressione a scuola? L'esperta: "Il risultato non è mai abbastanza"

  • Ha lottato contro il sarcoma di Ewing, addio a Steven Babbi. "Ha amato la vita fino all’ultimo istante"

  • Furgone colpisce un'auto e la trascina per una decina di metri: perde la vita un cesenate

Torna su
CesenaToday è in caricamento