Nuovi incarichi per 869 medici, veterinari e dirigenti sanitari dell'Ausl Romagna

"Siamo soddisfatti di questo accordo - commenta il direttore generale dell’Ausl Romagna, Marcello Tonini - che, oltre a perseguire le finalità elencate, rappresenta anche un importante elemento di rafforzamento di identità aziendale per operatori e professionisti"

Persegue diversi obiettivi l’accordo tra Ausl Romagna e sindacati di settore relativo ai nuovi incarichi per medici, veterinari e dirigenti sanitari operanti in Azienda, siglato nel 2018 e che è ora in fase di applicazione concreta. "Vi è, in primis, la giusta valorizzazione economica e di carriera per i professionisti operanti all’interno dell’azienda, sia negli ospedali sia nelle strutture territoriali in coerenza con l’assetto organizzativo aziendale - evidenzia l'Ausl in una nota -. Nelle scorse settimane 869 professionisti sono stati inquadrati nei nuovi incarichi di Struttura semplice (134), Alta specializzazione (64), Professionale qualificato (559) e Professionale di secondo livello (112) nel rispetto del Sistema aziendale incarichi della dirigenza medica, veterinaria e sanitaria".

"Ma l’accordo - così come le politiche sul personale che negli ultimi cinque anni hanno portato ad incrementare di 1.150 unità al netto dei pensionamenti, il numero di operatori e professionisti aziendali prevalentemente dedicati alle cure e all’assistenza – dà anche un notevole contributo a una presa in carico di sempre maggior qualità per i malati - viene chiarito -.  Infatti, ulteriore obiettivo dell’accordo, i nuovi incarichi contribuiscono a strutturare e qualificare in maniera sempre più puntuale la rete dei servizi erogati dall’Ausl Romagna in tutti gli ambiti territoriali, anche a seguito delle linee guida per il riordino ospedaliero che si sta continuando a concretizzare, e nell’ottica di implementare sempre più i servizi della medicina territoriale, quale ambito di primo accesso e punto di riferimento per i cittadini".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ma non finisce qui: "infatti, anche a seguito del nuovo contratto di lavoro nazionale appena sottoscritto, nei prossimi tre mesi si ragionerà, insieme alle organizzazioni sindacali, sull’utilizzo dei fondi residui per la Dirigenza medica veterinaria e sanitaria allo scopo, secondo quanto previsto dalla vigente normativa, di individuare ulteriori incarichi". "Siamo soddisfatti di questo accordo - commenta il direttore generale dell’Ausl Romagna, Marcello Tonini - che, oltre a perseguire le finalità elencate, rappresenta anche un importante elemento di rafforzamento di identità aziendale per operatori e professionisti. E personale che lavora meglio, più coordinato, e con maggiore soddisfazione significa una migliore qualità dell’assistenza. Sempre in quest’ottica, negli ultimi cinque anni abbiamo nominato cento nuovi primari, e intendiamo andare avanti con la stessa determinazione per la qualificazione di chi lavora in Ausl Romagna".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mentre va in bici viene colpito da un'auto: è gravissimo

  • Il bar è in regola ma la segnalazione per l'allargamento fa infuriare i titolari: "Ci fermiamo"

  • Dopo il lockdown il bar non riapre più: "A queste condizioni non possiamo andare avanti"

  • In funzione da lunedì, ecco dove saranno i 3 T-Red: "Per ridurre gli incidenti negli incroci pericolosi"

  • Drammatico schianto nella notte sull'A14: perde la vita un cinquantenne

  • Coronavirus, nel cesenate tre nuovi casi e nessun decesso

Torna su
CesenaToday è in caricamento