Nuova farmacia all’Ex Zuccherificio, il Comune contro ricorso Santini

"Siamo stupiti dell'iniziativa assunta dal dottor Santini", commentano il Sindaco Paolo Lucchi e l'Assessore alle Politiche per il benessere dei cittadini Simona Benedetti

Redazione 26 giugno 2012
4

Il Comune di Cesena si costituirà in giudizio contro il ricorso al Tar proposto dal dottor Bruno Santini, titolare della Farmacia Santini, che contesta la delibera di individuazione delle zone dove collocare le 5 nuove farmacie previste a Cesena in applicazione al decreto ‘Cresci Italia’. Più precisamente, il ricorso del dottor Santini chiede l’annullamento della delibera nella parte in cui si prevede l’apertura di una nuova farmacia nella zona compresa fra via Arturo Carlo Jemolo, via Salvatore Quasimodo,  Corte Cesare Zavattini,  via Umberto Saba  e vie limitrofe, nel quartiere Ex Zuccherificio.

 “Siamo stupiti dell’iniziativa assunta dal dottor Santini – commentano il Sindaco Paolo Lucchi e l’Assessore alle Politiche per il benessere dei cittadini Simona Benedetti – e francamente la troviamo piuttosto antipatica, non solo e non tanto per le complicazioni che ogni ricorso al Tar provoca al Comune, ma perché ostacola un provvedimento che, in ossequio alle direttive del Governo, va a incrementare un servizio ed è nell’interesse dei cittadini. Ma la nostra sorpresa è tanto maggiore perché per determinare l’ubicazione delle nuove farmacie previste a Cesena siamo partiti (come del resto prevede la normativa) dal confronto con le categorie interessate, vale a dire l’Ordine dei Farmacisti e Federfarma; il dibattito si è svolto in un clima sereno e proficuo, convenendo sui criteri da utilizzare per individuare i nuovi insediamenti. In primo luogo, abbiamo considerato la popolazione presente nelle varie zone e la sua dislocazione territoriale, per fare in modo di garantire l’accessibilità al servizio a tutti i cittadini, compresi quelli che vivono in aree meno popolose".

"Ma si è tenuto conto anche delle previsioni di incremento abitativo legate ai piani urbanistici di futura attuazione, della viabilità esistente nella zona e, non ultimo, del fatto che siano già presenti o meno altre farmacie - continuano Lucchi e Benedetti -. E’ evidente che la zona dell’ex Zuccherificio risponde a queste caratteristiche: il quartiere è di nuova costruzione e, pur essendo molto popoloso, non ha ancora una farmacia, così i residenti devono inevitabilmente spostarsi in altre zone della città. Più in generale, riteniamo che il decreto sulle liberalizzazioni varato dal Governo rappresenti  una novità molto positiva per i cittadini, ameno su questo versante, e che ci sia spazio a sufficienza per tutti”.

Le norme relative al potenziamento del servizio di distribuzione farmaceutica sono contenute nel cosiddetto decreto ‘Cresci Italia’, che ha aumentato il numero delle autorizzazioni, prevedendo la presenza di una farmacia ogni 3300 abitanti (in precedenza il rapporto era di una ogni 4000). Ed è stato proprio prendendo le mosse da questa direttiva che, nell’aprile scorso,  la Giunta comunale approvato la delibera che, applicando questo criterio, prevede l’apertura di 5 nuove farmacie e ne indica le zone di insediamento.

Le cinque nuove sedi farmaceutiche sono state assegnate alle seguenti zone:

Annuncio promozionale

Sede farmaceutica n. 1: Via Cavalcavia dall’incrocio con Via Venezia in direzione di Via Madonna dello Schioppo; Via Madonna dello Schioppo dall’incrocio con Via Cavalcavia fino all’incrocio con Via Ceccaroni Cambivoglia (Ex Mercato Ortofrutticolo – futuro quartiere Novello)
Sede farmaceutica n. 2: Via Arturo Carlo Jemolo, Via Salvatore Quasimodo,  Corte Cesare Zavattini,   Via Umberto Saba  e vie limitrofe (Ex Zuccherificio)
Sede farmaceutica n. 3:  Via Leopoldo Lucchi, Via Giovanni Cappelli (Montefiore)
Sede farmaceutica n. 4: Via Romea dalla Rotonda Pasquale Rosati in direzione S. Vittore, Via S. Vittore fino alla Rotonda San Vittore (Borgo Paglia – Tipano - San Vittore)
 Sede farmaceutica n. 5: Via Emilia Ponente dall’incrocio con Via Ceriana in direzione Forlì fino alla Rotonda Diegaro (Diegaro).
 

farmacie

4 Commenti

Feed
  • Avatar di romeo

    romeo La notizia si commenta da sola...e poi: Cresci Italia.

    il 27 giugno del 2012
  • Avatar di Giancarlo Esposito

    Giancarlo Esposito Ma via cesare Battisti nvece? Anche lì il comune dovrebbe fare causa. Almeno da quanto dicono...

    il 26 giugno del 2012
  • Avatar anonimo di SCACCIAPENSIERI

    SCACCIAPENSIERI ..............dovrebbero essere proprio le loro istituzioni ha dargli un bello STOP!!!

    il 26 giugno del 2012
  • Avatar di Giubberosse

    Giubberosse Che vergogna... facile fare il professionista senza concorrenza... uno puoi permettersi di non fare offerte, fare fare la fila e stare aperto quando gli pare... tanto sono costretti a venire da te... spero che finiscano presto queste ingiustizie valide solo per pochi... tanto di cappello a tutti quegli artigiani e professionisti che ogni giorno si battono nel mondo dei preventivi e dei lavori sottocosto e riescono a resistere!

    il 26 giugno del 2012