"Non subisca ciò che ha subito Giulio Regeni", arriva un sit-in per Zaky

I Giovani Democratici: "Non possiamo lasciare Zaki da solo in uno Stato dove la sua stessa vita è in pericolo"

È stato arrestato all'aeroporto del Cairo Patrick George Zaky, attivista e ricercatore egiziano di 27 anni, partito da Bologna, dove frequenta un master in Studi di genere all’Alma Mater Studiorum, per trascorrere un breve periodo di vacanza nella sua città natale, Mansoura.

Atterrato al Cairo è stato preso in custodia dalla polizia egiziana e al ragazzo non sarebbe stata data la possibilità di contattare né i famigliari né un avvocato. Zaky è stato arrestato per un ordine di cattura del 2019, di cui lui però non era a conoscenza. Ignoti anche i capi d'accusa.
Lo studente è stato manager della campagna presidenziale di Khaled Ali, uno degli oppositori del presidente egiziano Abdel Fattah al-Sisi e collaborava con l’associazione Egyptian Initiative for Personal Rights (Eipr) impegnata nel campo dei diritti umani e che in questi anni si è battuta anche per chiedere verità sulla morte del ricercatore italiano Giulio Regeni, ucciso al Cairo nel 2016.

"Da anni molti - sottolineano i Giovani Democratici - attivisti per i diritti umani, oppositori politici, giornalisti hanno dichiarato che l’Egitto non è un Paese stabile, né dal punto di vista socio-economico né delle libertà fondamentali e il governo fa di tutto per limitare gli spazi del dissenso. Non possiamo permettere che un altro giovane subisca ciò che ha subito Giulio Regeni. La sua memoria è ancora viva in noi, non smetteremo mai di chiedere giustizia e in questo momento dobbiamo intervenire immediatamente affinché ciò che è successo a Regeni non ricapiti più. Chiediamo un immediato intervento delle forze diplomatiche e del governo italiano per garantire a Zaki tutti i suoi diritti".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Non possiamo lasciare Zaki da solo in uno Stato dove la sua stessa vita è in pericolo. Per questo, assieme al Partito Democratico, nella mattinata di sabato 15 febbraio, dalle ore 10 fino alle ore 12, ci troveremo al mercato di Piazza del Popolo al Circolo PD “Biagi” per un sit-in di protesta. Tutta la cittadinanza è invitata".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tenda nel parcheggio del Bufalini, Cesena tra le prime città a sperimentare i tamponi "drive-through"

  • Da giorni non si avevano sue notizie, anziano trovato morto nell'appartamento

  • San Cristoforo piange l'ultima vittima del Coronavirus: "Era socievole e attivo nel volontariato"

  • Cresce il 'focolaio' nella casa di riposo, 15 contagiati. "Guarito un agente della Polizia Locale"

  • Coronavirus, frenata nei contagi nel Cesenate: "solo" 14 in più. Ma c'è un altro decesso

  • Una 'maschera' che agevola la comunicazione tra sanitari e pazienti: l'intuizione dell'azienda

Torna su
CesenaToday è in caricamento