All'ombra grande passione per la musica, addio al primogenito di Secondo Casadei

Nato nel 1936, in piena guerra, quel bambino è stata una grande gioia per il maestro che, per l'occasione, scrisse un valzer che intitolò "Gian Piero"

Lutto nella famiglia Casadei. Giovedì mattina si è spento all'età di 83 anni Gian Piero Casadei, il figlio di Secondo Casadei e fratello di Riccarda. Gian Piero, per motivi di salute, è sempre stato un po' all'ombra di un nome così importante per la musica romagnola nel mondo, ma è sempre stato un punto importante per tutta la sua famiglia. Viveva con Riccarda ed era un uomo di grande spirito e humor. "Lui e la mia mamma - spiega Lisa, figlia di Riccarda - mi hanno sempre raccontato di quando Secondo Casadei partiva per le serate e loro, entrambi bambini, gli portavano il violino e la borsa con gli spartiti. Era un rito, lui voleva così: uno portava lo strumento e l'altra la valigia di pelle. E Secondo li riceveva dalle loro mani, li metteva a posto e poi si voltava a dare loro un bacio sulla fronte".

Gian Piero è stato il primogenito poi, a distanza di qualche anno, è venuta alla luce anche Riccarda. Nato nel 1936, in piena guerra, quel bambino è stata una grande gioia per il maestro che, per l'occasione, scrisse un valzer che intitolò, per l'appunto, "Gian Piero" e che è uno dei brani più suonati e conosciuti nel repertorio del liscio.

"Gian Piero aveva un orecchio incredibile - ricorda Lisa - ha anche provato a suonare ma poi non ha continuato. Fino a l'altro ieri, però, ascoltava musica di tutti i generi con una predilezione, ovviamente, per il liscio romagnolo, quello suonato da suo padre. Era il più bravo tra tutti noi a indovinare di quale pezzo si trattasse ascoltando solo le prime due o tre note. Distingueva una polka da una mazurka con estrema disinvoltura. Purtroppo per i suoi problemi di salute non ha mai potuto realizzare quello che era un po' il sogno di Secondo, ovvero di affidare la sua orchestra al figlio. Comunque è sempre stato il cocco di famiglia, grande divoratore di libri e appassionato di calcio. Le sue squadre preferite erano la Juve, il Cesena e la Savignanese che andava volentieri a seguire anche in campo".
Il funerale di Gian Piero si terrà sabato mattina alle 10 a Savignano nella Chiesa della Madonna Rossa. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Addio a Sergio Rossi, anche il 're' del calzaturiero tra le vittime del virus: "Una grande perdita"

  • "Creativo e perfezionista", ha portato la scarpa di San Mauro in tutto il mondo. Tanti ricordano Sergio Rossi

  • "Un giorno tristissimo", si è spento l'imprenditore dell'ortofrutta Daniele Brunelli

  • Stroncato da un'emorragia cerebrale, era positivo al Covid: addio all'ingegnere della Soilmec

  • Stabile il rallentamento del virus (+12), si piange il 16esimo morto. In provincia oltre 1000 positivi

  • Caffè o spesa con bar e supermercati chiusi, una decina pizzicati dai Carabinieri

Torna su
CesenaToday è in caricamento