Comprare la casa al mare? Qui non crollano i prezzi: il metroquadro a Cesenatico e Mi.Ma.

Se i prezzi delle case sono in discesa ormai da anni in tutte le città, i valori sembrano tenere di più sulla costa. Secondo l'osservatorio di Tecnocasa, il costo a metroquadro nel 2016 non hanno subito ribassi

Se i prezzi delle case sono in discesa ormai da anni in tutte le città, i valori sembrano tenere di più sulla costa. Secondo l'osservatorio di Tecnocasa, il costo a metroquadro nel 2016 non hanno subito ribassi né a Cervia, né a Gatteo Mare, né a Milano Marittima. Un lieve ribasso dell'1,1% si è registrato a Cesenatico.  Si segnala una maggiore richiesta di casa vacanza da poter utilizzare durante l’anno e durante il periodo estivo. Si cercano trilocali con posto auto o box su cui investire non più di 250 mila €. La domanda proviene da persone residenti a Forlì, Bologna e Modena.

Anche il mercato della prima casa vede un recupero di richieste grazie ai prezzi più contenuti e al più facile accesso al credito. Coloro che cercano la casa vacanza prediligono la zona del Porto Canale, il centro storico e il lungomare. A Cesenatico nella zona del Porto Canale prevalgono le ex case dei pescatori che, ristrutturate ed in ottime condizioni, si scambiano a prezzi medi di 5000 € al mq. Nel Centro storico prevalgono le soluzioni d’epoca degli anni ’20 ma le compravendite sono molto rare: su viale Roma e via Trento, dove ci sono numerosi negozi, le quotazioni del nuovo sono comprese tra 3800 e 4000 € al mq. La maggioranza delle transazioni si concentrano su immobili degli anni ’70 posizionati sul lungomare (viale Carducci) oppure nelle strade più interne ma comunque con facile accesso al mare (viale dei Mille, via De Amicis). Sul lungomare le tipologie più prestigiose raggiungono valori di 4000 € al mq a fronte di una media di 3300-3500 € al mq. Le case vacanza si acquistano anche a Valverde e Villamarina, zone più periferiche ma comunque servite ed attrezzate per l’estate e dove un bilocale costa 80-100 mila €.  Si tratta di zone che offrono appartamenti degli anni ’60-’70. 

Chi cerca la prima casa, oltre all’ appartamento opta anche per la soluzione indipendente con terreno circostante che si può trovare nell’entroterra della cittadina. Tra le zone residenziali ci sono Boschetto e Madonnina. La prima a 500-600 mt dal mare registra per l’usato valori di 2700-2800 € al mq, per il nuovo di 3200-3300 € al mq. La zona Madonnina, residenziale e ricercata quasi esclusivamente come prima casa, registra valori di 2200-2300 € al mq per il nuovo mentre l’usato recente si valuta non oltre 1800-1900 € al mq e quello più vetusto circa 1500-1600 € al mq. Più decentrate Sala, Villalta e Bagnarola dove i prezzi si sono ribassati notevolmente: le quotazioni del nuovo non superano 1800-1900 € al mq, quelle dell’usato oscillano tra 1400-1500 € al mq. 

Valori sostanzialmente stabili a Cervia e a Milano Marittima nella seconda parte del 2016. Cervia e Milano Marittima hanno quotazioni mediamente più elevate e, di conseguenza, attirano un target più ricco. A Milano Marittima il mercato del nuovo è bloccato a causa della richiesta troppo elevata (5000-6000 € al mq). A cercare casa sono spesso turisti in arrivo da Forlì, Bologna, Modena, Reggio Emilia ed in generale dall’Alta Emilia. L’appartamento ideale è il trilocale con due camere da letto, preferibilmente con terrazzo abitabile o piccolo giardino, ma necessariamente con posto auto e ubicato in zone tranquille. 

MILANO MARITTIMA - Milano Marittima è una delle zone più richieste sia nell’area centrale (intorno alla rotonda 1° Maggio) sia sul lungomare a ridosso del centro, dove si concentrano anche numerosi alberghi e l’offerta abitativa è quindi molto contenuta. In prima fila ci sono appartamenti e ville stile liberty e i prezzi di abitazioni più recenti si aggirano intorno a 4500 € al mq. In zona Amati, residenziale e più distante dal mare, si trovano appartamenti di recente costruzione, villette a schiera e soluzioni indipendenti che, in buono stato, si scambiano a 3000 € al mq. Piace zona Pinarella perché ben servita, a ridosso della Pineta e dotata di stabilimenti balneari molto curati. Sulla prima fila prevalgono le strutture alberghiere, dalla seconda fila ci sono appartamenti in piccoli contesti ed in palazzi degli anni ’70 dove un buon usato costa mediamente 2200 -2500 € al mq. Tagliata è una piccola località che si anima solo durante l’estate e piace perché le quotazioni sono più contenute e si attestano in media su 1500 € al mq. 

Il mercato immobiliare di Cervia si divide in due zone, quella che va verso la collina, lato monte rispetto alla ferrovia denominata “Malva”, e quella che va verso il mare e cioè “Cervia Centro”. In zona Malva trilocali nuovi (non oltre i 10-12 anni di età) si vendono a 200 mila €, mentre le tipologie usate valgono tra 160 e 180 mila €. Sul lungomare i valori medi sono di 2800 € al mq per immobili in buono stato. Il mercato delle locazioni turistiche vede un buona domanda, in aumento negli ultimi tempi. Per un bilocale di quattro posti letto si spendono 1500 € a giugno e settembre, a Luglio 2000 € al mese e ad Agosto intorno a 2500 €.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Economia

    Ippodromo, si riparte: tradizione quasi centenaria, turisti e lavoro per 150 giovani

  • Economia

    Si riaccendono i riflettori dell'Ippodromo, torna la storica corsa del venerdì: tutte le novità

  • Cronaca

    Stalla della vergogna, il sindaco: "Turroni, quello che non voleva la diga di Ridracoli?"

  • Cronaca

    42 anni dopo la classe si ricompone: si riabbracciano gli ex compagni dell'elementare di Diegaro

I più letti della settimana

  • Vergogna in un allevamento, 50 mucche lasciate morire di fame tra i loro escrementi

  • I famigliari ne denunciano la scomparsa: trovato morto nel canale poche ore dopo

  • Malore fulminante mentre si trova in mare: muore turista tedesco

  • Trema l'appennino cesenate, i sismografi registrano un terremoto

  • Stalla della vergogna, il sindaco: "Turroni, quello che non voleva la diga di Ridracoli?"

  • "Sua maestà la regina Margherita": quali sono le pizzerie preferite dai cesenati?

Torna su
CesenaToday è in caricamento