Le giovani blogger cesenati che girano il mondo: "In India ti senti su un altro pianeta"

Si sono conosciute sui banchi di scuola, Martina e Brenda girano il mondo e raccontano mille avventure nel loro "MarbreBlond"

Un'amicizia nata sui banchi di scuola, e coltivata viaggiando in giro per il mondo. Raccontando tutte le avventure in un blog tutto loro "MarbreBlond". "Insieme siamo marmo" il motto delle due giovani studentesse cesenati Martina Fiuzzi e Brenda Casadei.

Dopo svariate città europee, Stati Uniti, Marocco e Giappone, l'ultimo viaggio che raccontano dalle pagine del loro blog è nella terra dalle mille contraddizioni: l'India. Il regno dei maharaja ci ha fatto subito innamorare di lui. Pile di libri divorati prima della partenza, valigie trasformate in farmacie ambulanti, tanta voglia di rapportarsi con una realtà tremendamente lontana dalla nostra e sedici giorni a disposizione per visitare Nuova Dehli, il Rajasthan, il deserto del Thar, il famoso Taj Mahal e Varanasi, bagnata dalle sacre acque del Gange.

Le due giovani blogger cesenati sono rimaste colpite e nello stesso tempo attratte dai forti contrasti interni, dalla povertà generale del popolo medio che si scontra e incontra con il progressivo sviluppo tecnologico, medico, industriale di una nascente potenza mondiale. Eppure, sono i contrasti esterni quelli che più colpiscono chi vi entra per la prima volta: l’India fa sentire su un altro pianeta, fa ricordare che lo stile di vita occidentale - con la sua etica, il suo senso civico - è solo una delle tante possibilità.

Martina e Brenda si sono fatte la loro idea del popolo indiano. Gli indiani vivono bene, non si affannano, non hanno grandi ambizioni: si curano del proprio senza preoccuparsi degli spazi comuni o del bene altrui. Non c’è desiderio di riscatto o cambiamento, ma solo una mistica gratitudine per quel poco che si ha, una fede cieca nella religione e una pacifica accettazione dello scorrere del tempo. Eppure, la benevolenza nei confronti dello straniero è assoluta ed è infatti l’emozione del confronto umano che domina i nostri ricordi di viaggio più belli.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Un'esperienza che le giovani cesenati che girano il mondo, non dimenticheranno facilmente. Nel cuore abbiamo gli occhi delle persone; i saluti dei bambini; i sorrisi curiosi - ma imbarazzati - delle donne, attratte dalle macchine fotografiche e dalle nostre gambe scoperte. Un viaggio in India prevede l’incontro con sapori diversi, più o meno piccanti, più meno facili da digerire, ma nel complesso ti lascia in bocca l’appagante soddisfazione di un’esperienza sensoriale a trecentosessanta gradi, che vorresti continuare a ripetere per capire meglio. L’India, in conclusione, è emozione grande difficile da comunicare, ma senza dubbio impossibile da dimenticare.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mentre va in bici viene colpito da un'auto: è gravissimo

  • Il bar è in regola ma la segnalazione per l'allargamento fa infuriare i titolari: "Ci fermiamo"

  • In funzione da lunedì, ecco dove saranno i 3 T-Red: "Per ridurre gli incidenti negli incroci pericolosi"

  • Dopo il lockdown il bar non riapre più: "A queste condizioni non possiamo andare avanti"

  • Coronavirus, nel cesenate tre nuovi casi e nessun decesso

  • Drammatico schianto nella notte sull'A14: perde la vita un cinquantenne

Torna su
CesenaToday è in caricamento