La festa di Natale del Budokan fa il pienone, quest'anno anche i tamburi giapponesi

Grande successo per il tradizionale evento che si è svolto nella palestra delle scuole medie di San Mauro Pascoli

Tribune piene, genitori seduti anche per terra, un ora di esibizioni e quest’anno, oltre all’attesissimo Babbo Natale, anche un gruppo di percussionisti giapponesi. Grande successo per la Festa di Natale del Budokan che si è svolta giovedì nella palestra delle scuole medie di San Mauro Pascoli.

Oltre 500 persone hanno riempito il palazzetto, fra genitori in tribuna e i 150 allievi delle scuole Budokan di San Mauro, San Vito e Borghi che si sono alternati sul tatami. Ad aprire la manifestazione è il gruppo principianti, i nuovi che hanno cominciato i corsi ad ottobre e che hanno dimostrato già i primi progressi. Le ragazze del gruppo agonisti si sono esibite in tecniche di difesa personale in vista del corso di autodifesa femminile che partirà da gennaio a San Vito. La manifestazione è poi proseguita con le esibizioni di combattimento delle cinture blu-marroni ed infine il combattimento più spettacolare delle cinture nere.

Prima del gran finale i maestri hanno chiamato e ringraziato l’assessore Sabrina Baldazzi che ha salutato tutti a nome dell’amministrazione comunale di San Mauro Pascoli e ha rinnovato la sua ammirazione e sostegno per il Budokan. Poi a portare i propri auguri è stato Claudio Campedelli, sostenitore del progetto sportivo ed educativo del Budokan da diversi anni in qualità di amico e sponsor ufficiale. Anche il gruppo Budofans San Mauro Pascoli, i genitori sostenitori del Budokan, hanno salutato i presenti e ringraziato i maestri.  Genny Guida e Roberta Biondi, portavoce del Budofans hanno presentato i progetti del 2019 fra raccolte fondi per progetti sociali, la famosissima e diffusissima raccolta tappi “Stappiamoci”, e hanno rinnovato il sostegno nell’organizzazione degli eventi Budokan.

Dopo i ringraziamenti e i saluti, a concludere lo spettacolo del Budokan, è intervenuto il gruppo Munedaiko di Pesaro che si sono esibiti in un duo di Taiko, ovvero i tamburi giapponesi. Quella del Taiko è un'altra arte molto simile per disciplina, filosofia e storia alle arti marziali e al karate, per questo motivo la presenza al saggio di Natale Budokan è stata di grande effetto. In quindici minuti di spettacolo il gruppo Munedaiko si è esibito in tre brani ed ha concluso la performance accompagnando a ritmo di tamburi la prova di difesa personale contro più avversari dei maestri Andrea Silenzi e Daniele Arcangeli. L’arrivo finale di Babbo Natale, che ha portato un regalo a tutti i presenti, ha concluso in simpatia quella che si è riconfermato ancora una volta l’evento più sentito ed emozionante dell’anno per il Budokan.
 

Potrebbe interessarti

  • Alla larga dalle mie piante! Come combattere gli insetti dannosi per il giardino

  • Congelare correttamente gli alimenti: buone pratiche per difendere la salute

  • Power nap: 20 minuti per ripartire alla carica

I più letti della settimana

  • Trema la terra: scossa di terremoto, in tanti lanciano l'allarme sui social

  • Violento schianto nella notte in autostrada: due morti e tre feriti

  • Auto contro il new jersey per un colpo di sonno: muore un ventenne, gravissimo l'amico

  • Annullato il concerto di Cristiano De Andrè: "Possibile il rimborso per i residenti"

  • Auto vola fuori strada, anziana portata in ospedale in condizioni disperate

  • Tenta la truffa della banconota da 50 euro in un negozio: ma viene beccata

Torna su
CesenaToday è in caricamento